Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ampliamento ospedale, "accertare l'eventuale danno erariale"

Ampliamento ospedale, "accertare l'eventuale danno erariale"

Esposto del comitato Vallée Santé: "Valutare le responsabilità di Regione e Comune"

AOSTA, 20 febbraio 2024, 15:14

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Accertare "le eventuali responsabilità contabili dei soggetti coinvolti: il presidente della Regione Valle d'Aosta e/o assessori delegati competenti, l'Unità sanitaria locale della Valle d'Aosta in persona del suo direttore generale, il Comune di Aosta in persona del suo sindaco e coloro che sono stati eventualmente incaricati, nel tempo, di azioni conseguenti od emergenti dalle varie deliberazioni regionali citate ed adottate". E' quanto chiede il comitato Vallée Santé nell'esposto trasmesso la settimana scorsa alla procura di Aosta, alla Corte dei conti e all'Anac in relazione all'iter di ampliamento dell'ospedale Parini.
    Nella segnalazione si chiede anche di accertare "in base a quale criterio di efficacia ed efficienza l'amministrazione regionale proceda nella volontà di 'ristrutturare ed ampliare' il presidio ospedaliero Umberto Parini (ex- Mauriziano) visto che non è mai stato effettuato uno studio comparativo di costi e benefici tra le opzioni 'ristrutturazione-ampliamento' oppure 'nuova struttura ospedaliera decentrata'".
    Infine la richiesta è di stabilire "quali siano, in caso di accertamento per colpa e/o dolo (oltre ai già citati principi di efficienza, efficacia, anche quelli di trasparenza ed economicità costituzionalmente richiesti in interventi pubblici similari) le misure ritenute più opportune nei confronti dei soggetti eventualmente responsabili del danno erariale cagionato oltre che dell'eventuale danno alle persone che da tali lungaggini hanno patito conseguenze negative (vedi mancati ricoveri per mancanza di posti letto, allungamento delle liste di attesa o rinvio di sedute operatorie o visite ambulatoriali per carenza di spazi o posti letto)".
    L'esposto è stato presentato nel corso di una conferenza stampa indetta dal comitato.
   

Comitato Vallée Santé, "faro sul continuo cambio di piani" 

"In questi mesi assistiamo a nuove delibere orientate a una nuova progettazione a conferma del continuo cambio di piani e questo non per rispondere a reali esigenze di migliorare e rendere più efficiente un servizio sanitario regionale (in particolare la rete ospedaliera), ma per motivazioni che non riusciamo a comprendere. Anche per questo riteniamo che sarebbe utile accendere un faro sulla stratificazione di provvedimenti che ci ha trovati tristemente impreparati davanti allo tsunami della fase pandemica". Così il comitato Vallée Santé nell'esposto trasmesso la settimana scorsa alla procura di Aosta, alla Corte dei conti e all'Anac in relazione all'iter di ampliamento dell'ospedale Parini. Nel corso della conferenza stampa sul tema ha posto l'accento Emanuela Jordan, componente del comitato e infermiera in pensione,

   Secondo il comitato c'è "un susseguirsi di soluzioni progettuali di cui non è agevole percepire la ratio e la reale portata. Una situazione che ha portato a possibili sperperi di risorse pubbliche, visto che per importanti attività e specialità (si veda la riabilitazione post-interventi orto-traumatologici) è stato necessario trovare spazi esterno al complesso ospedaliero o usare strutture private (vedi a suo tempo il Day-hospital per l'uso di Sale operatorie a supporto di quelle ospedaliere o la convenzione integrativa con la clinica Isav di Saint-Pierre), con i relativi costi che si sarebbero potuti risparmiare se si fossero evitate copiose riprogettazioni e revisioni decisionali".

   "Noi - ha detto il portavoce del comitato, Enzo Blessent - suggeriamo un nuovo ospedale. Almeno ci si fermi a fare questo confronto che mai è stato fatto in 30 anni". "Il nostro comitato è apolitico e trasversale" e questa è "una segnalazione di garanzia" perché "non abbiamo in mano tutta la documentazione", ha spiegato Valter Manazzale. Nives Paroli, caposala del Parini in pensione, ha sottolineato che sarebbe difficile realizzare una ottimale riqualificazione energetica per l'attuale ospedale. Tra gli esponenti politici in sala Alberto Zucchi, presidente di Fdi Vda, e Diego Lucianaz, consigliere regionale del gruppo Rv.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza