Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La Cina valuta misure per favorire gli investimenti esteri

La Cina valuta misure per favorire gli investimenti esteri

Il premier Li Qiang ha sollecitato l'esame di ogni opzione utile

PECHINO, 24 febbraio 2024, 08:58

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

La Cina lavora a nuove misure per favorire gli investimenti esteri rafforzando la fiducia verso il Paese dopo lo storico calo dei flussi nel 2023 a causa dei timori sulle prospettive di crescita economica.
    Il premier Li Qiang ha presieduto, a tale scopo, una riunione di gabinetto in cui ha invitato le autorità ad ogni livello ad esaminare ogni possibile soluzione per attirare più capitali globali, ha riferito il network statale Cctv. Il governo centrale, in particolare, ha ribadito che la stabilizzazione degli investimenti esteri dovrebbe essere un obiettivo chiave del lavoro economico del 2024, impegnandosi a continuare ad espandere l'accesso al mercato e a ottimizzare un ambiente domestico aperto alla concorrenza leale.
    In base a quanto diffuso una settimana fa dalla State Administration of Foreign Exchange (Safe), gli investimenti diretti di imprese straniere (Fdi) in Cina sono saliti nel 2023 di appena 33 miliardi di dollari, al livello più basso dal 1993, a sottolineare le sfide di Pechino per attirare nuovi fondi a sostegno della sua economia, tra il calo della fiducia e gli investitori alla ricerca di rendimenti più elevati. I flussi dello scorso anno, inoltre, sono stati inferiori dell'82% rispetto a quelli del 2022.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza