Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rebecca Struthers, in un saggio la storia degli orologi

Rebecca Struthers, in un saggio la storia degli orologi

Il primo orologio una fibula di babbuino di 44mila anni fa

ROMA, 26 febbraio 2024, 14:06

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

REBECCA STRUTHERS, MEMORIE DI UN'OROLOGIAIA (GARZANTI, PP. 285, EURO 20) Quando sono nati gli orologi? Come sono cambiati nel corso dei secoli? Lo racconta in questo saggio Rebecca Struthers, orologiaia da quando aveva diciannove anni: un'attività totalizzante", la definisce. Confessa di passare intere mattinate senza mai distogliere lo sguardo "dal minuscolo meccanismo" su cui sta lavorando: "All'improvviso mi accorgo che il caffè accanto a me è freddo e che ho gli occhi secchi perché mi sono concentrata così tanto da dimenticare di sbattere le palpebre". Per realizzare un nuovo orologio, con pezzi di recupero o partendo da zero, impiega da sei mesi a sei anni, spiega.
    Gli orologi sono "un'estensione di noi, una proiezione della nostra identità, della nostra personalità, delle nostre aspirazioni e del nostro status sociale ed economico. L'orologio è il segnatempo di un individuo, ma è anche una storia di diario: tra le sue instancabili lancette custodisce i ricordi delle ore, dei giorni e degli anni in cui l'abbiamo indossato. È il depositario della vita stessa, inanimato ma inequivocabilmente umano", scrive in un capitolo. Il volume passa in rassegna orologi celebri, fra cui quello che è considerato il primo esemplare in assoluto ovvero l'Osso di Lebombo, risalente a 44.000 anni fa e ritrovato nel 1940 in Sudafrica. Non mancano i pomposi orologi del Seicento, uno è a forma di piccolo leone d'argento, costruito a Ginevra da Jean Baptiste Duboule. C'è anche la descrizione dell'orologio da taschino con sveglia appartenuto al capitano ed esploratore Robert Falcon Scott, conosciuto come Scott dell'Antartico: lo aveva con sé durante la spedizione al Polo Sud.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza