Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Lippi, il calcio non è un mondo perfetto ma lo amo sempre

Lippi, il calcio non è un mondo perfetto ma lo amo sempre

Uscita evento da 26 al 28/2 per docu su di lui 'Adesso vinco io'

ROMA, 22 febbraio 2024, 19:12

di Francesca Pierleoni

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il calcio anche oggi "mi piace tutto. Non è un mondo perfetto, ci sono dei difetti, ma lo amo allo stesso modo". Lo dice all'ANSA Marcello Lippi parlando di Adesso vinco io' il docufilm che Simone Herbert Paragnani e Paolo Geremei hanno dedicato a uno degli allenatori più amati e vincenti del calcio italiano. Il film non fiction, dopo il debutto al Torino Film Festival, è stato selezionato per i Nastri d'Argento documentari e sta per arrivare in sala con un'uscita evento da lunedì 26 a mercoledì 28 febbraio con Lucky Red, che cura la distribuzione commerciale. "E' stata una soddisfazione che qualcuno abbia pensato di ripercorrere tutte le tappe più importanti della mia carriera - commenta Lippi - dal punto di vista del mio percorso professionale e della mia famiglia, in ogni aspetto. Mi ha fatto molto piacere". Adesso vinco io - Marcello Lippi', prodotto da On Production e Master Five Cinematografica con Rai Cinema, traccia, tra pubblico e privato, un ritratto del 'mister' viareggino, classe 1948, cinque volte campione d'Italia con la Juventus (con cui ha conquistato, fra le altre, anche la Champions League e la Coppa Intercontinentale), commissario tecnico della nazionale italiana (dal 2004 al 2006 e dal 2008 al 2010), che ha guidato l'Italia alla vittoria della Coppa del Mondo FIFA 2006. Un percorso costruito con filmati di famiglia, immagini d'archivio, il dialogo con Lippi, le interviste a un'ondata di protagonisti del calcio (tra gli altri, Ivano Bordon, Zinedine Zidane, Francesco Totti, Christian Vieri, Gianluigi Buffon, Giorgio Chiellini, Alessandro Del Piero, Adriano Galliani, Marco Materazzi), insieme ad altri amici, ammiratori, colleghi, componenti della sua famiglia. L''adesso vinco io' del titolo è il principio dal quale l'allenatore è partito in ogni nuova avventura professionale: esistono delle linee guida, che ha sempre seguito, per vincere? "Quella più importante è avere giocatori forti - risponde sorridendo -. Poi i giocatori bravi bisogna metterli nelle condizioni psicologiche e fisiche per rendere al massimo delle loro possibilità e in quello forse sono stato un po' bravo anch'io". Il film torna anche alla prima vita di Lippi nel calcio come giocatore, cresciuto nella Stella rossa di Viareggio e arrivato in serie A con la Sampdoria: "Allora non immaginavo un giorno di allenare - spiega - ma bisogna dire la verità, non avevo potuto studiare molto, ne' avevo preso diplomi... così quando ho smesso di giocare ho pensato di continuare nel calcio, che è sempre stata una mia grande passione. Volevo cercare di fare qualcosa di importante e ho pensato a diventare allenatore". Nella sua vita i due più grandi orgogli sono "la famiglia e la Coppa del mondo". Una vittoria, quella del 2006, "arrivata grazie alla qualità anche umana di quei giocatori, e alla grande voglia che avevano di mettersi a disposizione l'uno dell'altro, una cosa stupenda". Quella ai mondiali "è stata una cavalcata fantastica dal primo all'ultimo giorno". Tra le istantanee che Lippi richiama di quella vittoria, "l'attimo nel quale abbiamo avuto fra le mani quella coppa dorata, e poi ritrovarmi buttato in aria da tutti calciatori... un momento fantastico". Il film non fiction dà spazio anche a un'altra delle sue grandi passioni, il mare: "Per me non ha mai rappresentato una fuga, perché non devo scappare da niente, ma le sensazioni che provo quando sono in mare, nuotandoci, o andando in barca sono fra le più preziose per me". Come ha deciso quando smettere da allenatore? "Ho iniziato a pensarci dopo aver vinto il mondiale", e di nuovo alla fine del secondo periodo da allenatore della nazionale italiana: "Ho pensato a quanto fossi stato fortunato nella mia carriera.... Poi però mi è arrivata un'offerta talmente importante, anche economicamente, dalla Cina (nel 2012, quella di allenare il Guangzhou, ndr) che ho deciso di accettare. Abbiamo vinto tre scudetti e una Champions asiatica.... è stata bella anche quell'esperienza". Nella sua carriera, pure le sconfitte le ha sempre affrontate a viso aperto: "fanno parte del nostro lavoro e danno più significato alle vittorie". Oggi ad un giovane allenatore che consiglio darebbe? "Cercare di ottenere dai suoi giocatori il massimo, dal punto di vista tecnico ma soprattutto dal punto di vista umano".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza