Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Padova intitola parco a Matteo Toffanin, vittima innocente mafia

Padova intitola parco a Matteo Toffanin, vittima innocente mafia

Il giovane venne ucciso nel 1992 per uno scambio di persona

PADOVA, 02 marzo 2024, 19:11

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Matteo Toffanin aveva 23 anni quando la sera del 3 maggio 1992, mentre era in auto con la fidanzata in via Tassoni, a Padova, venne ucciso a colpi di fucile da killer della criminalità organizzata, per uno scambio di persona.
    Oggi il Comune di Padova, nell'ambito delle iniziative in vista del 21 marzo, Giornata della vittime della mafia, gli ha intitolato uno spazio verde nel quartiere Guizza, di fronte alla scuola primaria 'Ricci Cuirbastro', dove Matteo fu freddato 32 anni anni fa. Un parco, quello di via Tassoni, da tempo teatro di iniziative sul tema della lotta alla mafia, con decine di ragazze e ragazzi che l'hanno animato con i campi estivi di Libera contro le mafie.
    Alla cerimonia di intitolazione, sotto la pioggia, sono intervenuti molti cittadini, gli assessori comunali Margherita Colonnello, Diego Bonavina, e Antonio Bressa. Con loro anche Cristina Marcadella, che all'epoca dei fatti era fidanzata con Toffanin, e che rimase ferita nell'agguato di stampo mafioso.
    Le indagini accertarono che il vero obiettivo degli assassini era un ex appartenente alla Mala del Brenta, Marino Bonaldo, che avrebbe dovuto essere ucciso per una vendetta. Nel 2023 la Procura di Padova ha riaperto un fascicolo sull''omicidio di Toffanin - che non ebbe mai dei colpevoli - indagando due uomini, ritenuti gli autori materiali del delitto.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza