Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Milano è 'Vietato respirare!', presidio per l'aria pulita

A Milano è 'Vietato respirare!', presidio per l'aria pulita

'Urge cambio di rotta per catastrofe ambientale e sanitaria'

MILANO, 02 marzo 2024, 20:46

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Senza cibo e acqua possiamo sopravvivere per diversi giorni, ma senza aria possiamo resistere al massimo 4 minuti! Eppure, mentre cibo e acqua sono oggi a norma di legge, l'aria è ancora ufficialmente illegale in Italia, in particolare in Lombardia e ancora di più a Milano".
    Lo hanno spiegato i promotori del presidio Vietato respirare! Manifestazione per l'aria pulita in Lombardia, organizzato da varie associazioni, che si è tenuto oggi in largo Cairoli a Milano.
    "Ogni giorno viviamo un paradosso: se dal rubinetto esce acqua marrone ci allarmiamo, se la mozzarella diventa blu denunciamo, ma se l'aria ci fa tossire e ammalare ci rassegniamo, ma noi non vogliamo rassegnarci" hanno detto ancora i promotori della manifestazione, citando uno studio di ATS Milano "che certificherebbe a Milano in 3.000 le morti annue (il 25% dei decessi totali) derivanti dagli inquinanti del traffico veicolare. In particolare lo studio rileva più alta incidenza di morti nelle zone più trafficate della periferia della città".
    Inoltre, "nei mesi di gennaio e febbraio del 2024 gli sforamenti di polveri sottili a Milano ed in tutta la Regione sono perdurati per svariate settimane e, malgrado la pericolosità di questi fatti, le istituzioni nazionali e locali non hanno preso alcun provvedimento incisivo a riguardo".
    Per "questa catastrofe ambientale e sanitaria senza precedenti", "urge un drastico cambio di rotta che parta da una presa di coscienza della ormai letale crisi climatica e ambientale con interventi risolutivi a tutela della salute delle persone".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza