Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mafia a Bari, dichiarazioni spontanee di Olivieri

Mafia a Bari, dichiarazioni spontanee di Olivieri

Ex consigliere è in carcere per voto di scambio politico-mafioso

BARI, 29 febbraio 2024, 17:37

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Giacomo Olivieri, l'ex consigliere regionale arrestato lunedì con le accuse di scambio elettorale politico-mafioso in relazione alle elezioni comunali di Bari del 2019, "ha iniziato, con dichiarazioni spontanee, a chiarire fatti e circostanze certamente utili per il prosieguo delle indagini preliminari". A dirlo in una nota i difensori di Olivieri, gli avvocati Gaetano e Luca Castellaneta, che sottolineano come l'ex consigliere si è dichiarato disponibile "a rendere interrogatorio appena avrà avuto conoscenza di tutti gli atti di indagine".
    Olivieri, detenuto nel carcere di Brindisi, per il momento ha deciso di non rispondere alle domande del gip Alfredo Ferraro in sede di interrogatorio di garanzia.
    Secondo l'accusa, Olivieri avrebbe raccolto i voti della criminalità (nello specifico dei clan Parisi-Palermiti, Montani e Strisciuglio di Bari) per permettere l'elezione della moglie, Maria Carmen Lorusso, al consiglio comunale. Lorusso, che poi fu eletta, è stata arrestata nell'ambito della stessa indagine e ora è ai domiciliari insieme al padre Vito (oncologo e indagato per questa e altre vicende relative alla sua professione).
    Lorusso fu eletta nelle file del centrodestra salvo poi passare nella maggioranza che sostiene il sindaco Antonio Decaro. Il loro interrogatorio dovrebbe tenersi la prossima settimana.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza