Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ex M5s Favia prosciolto dall'accusa di aver diffamato i vigili

Ex M5s Favia prosciolto dall'accusa di aver diffamato i vigili

La difesa, 'Non poteva vigilare sui commenti altrui'

BOLOGNA, 29 febbraio 2024, 14:02

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'ex consigliere del Movimento 5 Stelle e ora ristoratore Giovanni Favia è stato prosciolto dal tribunale di Bologna dall'accusa di diffamazione nei confronti di agenti della polizia locale. La sentenza del giudice Filippo Ricci si riferisce a quanto avvenne il 7 maggio 2020: dopo una multa ricevuta durante il lockdown nel suo locale, Favia si lamentò su Facebook postando la foto del verbale e dei vigili intervenuti, che furono presi di mira da una serie di commenti e insulti da utenti del social network.
    Dopo la querela dei vigili, la Procura aveva chiesto l'archiviazione con il pm Nicola Scalabrini, ma a febbraio 2023 il gip Roberta Malavasi respinse, ordinando l'imputazione coatta. Finito davanti al tribunale, Favia è stato prosciolto nell'udienza pre-dibattimentale: la decisione "rappresenta il giusto epilogo di una vicenda giudiziaria per molti versi surreale", commenta il difensore, avvocato Francesco Antonio Maisano. "Si imputava a Favia una sorta di responsabilità da posizione per quanto avevano scritto a commento di un suo post su Facebook, altri soggetti. Il post del mio assistito era stato commentato da più di 800 persone, impossibile sostenere un suo dovere di vigilanza sugli scritti altrui. Un esito diverso di questa vicenda - aggiunge l'avvocato - avrebbe costituito un precedente pericoloso per tutti gli utenti dei social network.
    Il Tribunale di Bologna ha correttamente riportato il tutto nei binari più consoni al principio di responsabilità penale personale".
    "Ho sempre avuto rispetto per le forze dell'ordine - dice Favia - e oggi è stato dimostrato che io non diffamai i vigili.
    Per questa vicenda kafkiana ho avuto una esposizione mediatica dolorosa, e mi faccio una domanda: dal momento che i vigili non erano identificabili, chi decise di presentare la querela? La risposta è che la regia fu politica, fu una querela intimidatoria contro di me".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza