Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Donna uccisa in Veneto, per oggi niente recupero del furgone

Donna uccisa in Veneto, per oggi niente recupero del furgone

Condizioni del fiume metterebbero a rischio sommozzatori

BOVOLENTA, 29 febbraio 2024, 13:40

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Sarà un'altra giornata di attesa quella di oggi nelle operazioni per il recupero dal Bacchiglione del furgone 'Nissan' nel quale potrebbe trovarsi il corpo di Alberto Pittarello, il 39enne che si suppone si sia suicidato dopo aver ucciso a coltellate la moglie, Sara Buratin, a Bovolenta. La situazione del fiume è ancora pericolosa: nel punto in cui il sonar ha individuato la presenza del mezzo, la corrente è ancora molto forte, e trasporta molti detriti che metterebbero a rischio la vita dei sommozzatori. Solo stamane il livello del Bacchiglione, dopo la piena dei giorni scorsi, è parso scendere leggermente.
    E' possibile che oggi pomeriggio i pompieri effettuino qualche attività tecnica, come verificare con il sonar se il mezzo, a circa 7 metri di profondità, sia rimasto fermo nel punto dov'era stato individuato martedì sera.
    A livello investigativo resta prevalente l'ipotesi che l'uomo sia sia gettato nel fiume con il furgone volontariamente, dopo il femminicidio.
    Nella ricostruzione delle fasi del delitto, è emerso intanto che la madre della 41enne, la prima a trovare il corpo, avrebbe anche tentato di rianimare la figlia con un massaggio cardiaco, invano. Sara Buratin è stata raggiunta da quasi una ventina di coltellate mentre dava la schiena all'aggressore, due di queste mortali, alla base del collo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza