Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Piero Marras, 'la canzone per Gigi Riva un atto d'amore'

Piero Marras, 'la canzone per Gigi Riva un atto d'amore'

Per il cantautore 'ha restituito ai sardi la voglia di sognare'

CAGLIARI, 23 gennaio 2024, 14:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Ho scritto il brano 'Quando Gigi Riva tornerà' come atto d'amore verso una leggenda del calcio mondiale, un uomo e un fuoriclasse che ha regalato il sogno alla Sardegna e ai sardi". Piero Marras, il cantautore e polistrumentista nuorese, cantore dell'identità sarda, ricorda con commozione il momento in cui ha composto il suo omaggio al grande goleador con la canzone che Riccardo Milani ha inserito nel docu-film "Nel nostro cielo un rombo di tuono".
    "Era il 1982. L' epopea del Cagliari di Giggirriva, e in questo raddoppiare le consonanti c'è tutto l'orgoglio sardo, era finita - racconta Marras all'ANSA - ma il mito era più che mai vivo e sentivo il bisogno di farlo rivivere anche con la mia musica e le mie parole".
    Lascia scorrere i ricordi Piero Marras e con un pizzico di orgoglio rievoca la manifestazione ad Arzana "Il Porcino d'oro", dove si esibì con questo brano. "Non sapevo che tra il pubblico ci fosse Nicola, figlio di Riva, mi venne incontro con queste parole che resteranno impresse nel mio cuore: 'Papà si commuove sempre quando la ascolta'". Il suo pensiero ritorna per un attimo al campione sui campi da gioco: "E' stato autore di tiri imprendibili, col sinistro, di testa, in volo, in rovesciata.
    La storia di questa terra l'hanno scritta gli altri non i sardi. Lui, rovesciando la prospettiva, è stato autore anche e soprattutto di una emozionante storia scritta assieme ai sardi che lo hanno accolto come un fratello". C'è la metafora del riscatto degli emarginati e dei vinti nel brano di Marras. "E la voglia di sognare, quello che hanno tolto alla nostra terra, lui, Gigi - chiarisce il cantautore - ce lo ha restituito.
    Qualcuno ha detto 'Beati i popoli che non hanno bisogno di eroi'. Noi ne avevamo bisogno, per guardare oltre il mare, allargare l'orizzonte oltre il 'continente' e, con ottimismo e speranza, volgere lo sguardo anche dentro i nostri confini".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza