Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Confesercenti, saldi a Torino chiudono a -15/20%

Confesercenti, saldi a Torino chiudono a -15/20%

Nell'abbigliamento per ogni impresa che ha aperto 4 hanno chiuso

TORINO, 29 febbraio 2024, 12:27

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Domani, venerdì 1 marzo, si concludono i saldi invernali e il bilancio è amaro: a Torino e provincia sette commercianti su dieci hanno registrato un peggioramento dell'andamento delle vendite rispetto allo scorso anno; il resto si limita a parlare di una tenuta degli acquisti e quasi nessuno regista un incremento. È quanto emerge dal sondaggio condotto da Confesercenti fra gli operatori.
    A Torino il volume delle vendite è in calo del 15% nelle zone centrali e arriva al 20% in periferia. "Salvo i primi giorni in cui le vendite sono state tutto sommato soddisfacenti, per il resto del periodo sono rimaste al palo. È sicuramente una delle peggiori stagioni degli ultimi anni. Ancora una volta hanno pesato negativamente il clima particolarmente mite e le difficoltà economiche delle famiglie" dice Micaela Caudana, presidente di Fismo-Confesercenti, l'associazione dei commercianti di abbigliamento e calzature.
    Secondo i commercianti interpellati, soltanto nei primi quindici giorni lo scontrino medio è rimasto in linea con le aspettative della vigilia (130 euro); poi si è inabissato sotto i cento euro anche perché le temperature degli ultimi mesi non hanno invogliato agli acquisti di capi pesanti (cappotti, giacconi, piumini), i più costosi. I consumatori si sono orientati piuttosto su magliette, camicie e scarpe. Sotto accusa da parte di commercianti anche il fatto che il settore dell'abbigliamento continua a essere in balìa di sconti e promozioni senza alcuna regolamentazione: il che - secondo la Fismo-Confesercenti - sottrae ai negozi di vicinato del Piemonte un fatturato di oltre 250 milioni all'anno. Gli ordinativi per la prossima stagione si registra un calo superiore al 10%.
    "I saldi sono soltanto uno dei campanelli d'allarme della crisi del settore: stiamo assistendo da tempo alla lenta agonia dei negozi di abbigliamento, il cui numero è diminuito di circa un terzo negli ultimi dieci anni. Un fenomeno, questo, che sta subendo un'accelerazione: nel 2023 per ogni impresa nata, quattro hanno cessato l'attività" conclude Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza