/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Molestie a UniTo: consiglio di dipartimento di Filosofia aperto

Molestie a UniTo: consiglio di dipartimento di Filosofia aperto

All'assemblea in corso partecipano studenti e docenti

TORINO, 22 febbraio 2024, 11:07

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

È in corso a Palazzo Nuovo, sede delle facoltà umanistiche di Torino, un consiglio di dipartimento di Filosofia aperto, dopo la vicenda del docente sospeso per un mese perché accusato da alcune studentesse di molestie verbali e dopo le denunce di altre molestie fatte dai collettivi transfemministi.
    "Abbiamo pensato di spostare il consiglio di dipartimento per avere un momento di discussione libera e aperta tra docenti e studenti", ha spiegato il direttore di dipartimento Graziano Lingua. "L'obiettivo è riuscire ad ascoltarci per vedere quali cambiamenti possiamo portare avanti per creare un contesto lavorativo di studio e di relazioni di qualità tra docenti e dottorandi, tra professori e struttura, rispetto al disagio evidenziato e le proteste giuste che sono state portate avanti" ha aggiunto Lingua, che ha ringraziato gli studenti per aver avuto il coraggio di "porre dei problemi e di averlo fatto in maniera forte".
    "Prendiamo atto che il dipartimento si assuma una responsabilità politica. Essere arrivati qui vuol dire anche avere fallito nel tutelarci" hanno replicato gli studenti.
    "L'istituzione che ci dovrebbe tutelare contribuisce a creare un clima di intimidazione e di individualismo - dicono dal collettivo Cambiare Rotta -. In questo dipartimento un professore si è sentito libero di compiere molestie su studentesse e dottorande ed è successo anche a medicina. Il fatto che il rettore non sia presente oggi è un problema grosso, perché significa che l'università non prende in considerazione quelli che sta avvenendo" conclude una ragazza.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza