Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Residenti contro una nuova fabbrica esplodenti nel Teramano

Residenti contro una nuova fabbrica esplodenti nel Teramano

'Inconciliabile con attività agricole e biologiche di qualità'

NOTARESCO, 30 novembre 2023, 16:45

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Mentre l'Abruzzo intero piange ancora gli ultimi quattro morti degli incidenti più recenti a Teramo (16 febbraio) e Casalbordino (13 settembre) - sciagure che pongono la regione al primo posto della triste classifica italiana per numero di vittime in fabbriche di materiali esplodenti - nell'assordante silenzio delle istituzioni sembra andare avanti il progetto per la realizzazione di un polo di produzione e stoccaggio di esplosivi nel territorio comunale di Notaresco (Teramo)". A denunciarlo sono i residenti di via Gallo, l'area individuata da un imprenditore marchigiano per l'installazione dell'opificio.
    Già un anno fa i cittadini avevano denunciato "la scarsa attenzione alla tutela del territorio da parte delle istituzioni, lamentando il completo isolamento e il mancato coinvolgimento di chi ha deciso di investire sul territorio in attività agricole e biologiche di qualità, fiore all'occhiello dell'Abruzzo teramano, che mal si conciliano con una fabbrica di fuochi d'artificio".
    Il tutto con una forte riduzione del valore dei terreni ora caratterizzati da produzioni sostenibili, soprattutto olivicole.
    "Dal maggio scorso il Comune di Notaresco ha una nuova amministrazione ma il problema della fabbrica di esplosivi non sembra essere tra le sue priorità, proprio come già successo con la Giunta Di Bonaventura. - dichiarano i residenti - Stando così le cose, se il progetto andrà avanti e sarà realizzato l'impianto, ci vedremo costretti a lasciare il territorio per investire in aree maggiormente attente alla tutela dei cittadini e alla salvaguardia dell'ambiente".
    I residenti, pur confidando pienamente nelle istituzioni preposte, chiedono ai diversi rappresentanti della Commissione Tecnica, competente per questo tipo di attività, di fare chiarezza sul passato diniego di simili autorizzazioni in altri Comuni del territorio. "L'ultimo passaggio che abbiamo intenzione di percorrere - concludono i residenti - è chiedere l'intervento di 'Striscia la notizia', con la cui redazione stiamo già prendendo contatti. Ormai il telegiornale satirico rappresenta per molti italiani vessati e dimenticati l'unico approdo per far valere le proprie sacrosante ragioni!".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza