Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Manifestazione pro Palestina a Milano, 'Cenati vergogna'

Manifestazione pro Palestina a Milano, 'Cenati vergogna'

Centinaia in corteo, 'grazie per le dimissioni'

MILANO, 02 marzo 2024, 18:24

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

"Dobbiamo ringraziare il presidente milanese dell'Anpi Roberto Cenati per essersi dimesso per non aver accettato la parola genocidio. Vergogna". Lo hanno gridato al megafono gli attivisti pro Palestina che anche questo sabato sono scesi in piazza. "È l'ennesima provocazione", hanno aggiunto.

 

    I manifestanti, al momento in poche centinaia, si sono riuniti intorno alle 15 in piazza San Babila, dove è prevista la partenza di un corteo diretto verso piazza Duca D'Aosta.
    Alla manifestazione sono presenti attivisti aderenti a diverse sezioni dell'Anpi, con uno striscione 'storico' con scritto 'Stop genocidio a Gaza'. Alle parole pronunciate dagli organizzatori al megafono su Roberto Cenati, alcuni hanno applaudito spiegando che il presidente dimissionario ha "una posizione che noi non condividiamo". "Meno male - hanno sostenuto - che se ne è andato. Da tantissimi iscritti all'Anpi non era più ben visto perché le sue esternazioni erano sempre a favore di Israele che condividiamo se si parla della Shoah, ma in questo momento non è il caso di stare dalla parte di un governo che sta massacrando una popolazione".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza