Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Turismo organizzato fiducioso sul 2024, rialzo del 10%

Turismo organizzato fiducioso sul 2024, rialzo del 10%

Alla Bit Ezhaya, "mercato tonico nonostante guerre e inflazione"

MILANO, 05 febbraio 2024, 20:53

di Cinzia Conti

ANSACheck

IL TURISMO ORGANIZZATO PUNTA AL +10% NEL 2024 - RIPRODUZIONE RISERVATA

IL TURISMO ORGANIZZATO PUNTA AL +10% NEL 2024 -     RIPRODUZIONE RISERVATA
IL TURISMO ORGANIZZATO PUNTA AL +10% NEL 2024 - RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANO - L'Italia è in cima ai desideri di tanti viaggiatori di tutto il mondo, ma anche molti italiani hanno voglia di viaggiare e di scoprire non solo il proprio Paese ma anche territori stranieri. A tracciare lo stato d'animo degli operatori del turismo organizzato alla Bit è il presidente di Astoi Confindustria Viaggi Pier Ezhaya: "La borsa del turismo a Milano - dice in un'intervista all'ANSA - è un po' l'apertura della stagione turistica 2024 e i primissimi segni sono di grande ottimismo e positività". E con un recupero totale e vigoroso ormai rispetto al periodo della pandemia che mise in ginocchio tutto il turismo ma in particolare quello organizzato.
    "Il bello di quest'anno appena iniziato - rileva Ezhaya - è che finalmente smetteremo di confrontarci con il 2019 come siamo stati costretti a fare finora e ci confronteremo con il 2023.
    Tutto ci fa pensare che riusciremo ad andare sopra del 10% rispetto allo scorso anno".
    Il primo banco di prova sarà la Pasqua. "E' la prima finestra diciamo "tecnica" dove misuriamo i trend. Vediamo già buone previsioni anche se mancano un paio di mesi e ci aspettiamo un febbraio e un marzo molto tonici e veloci sulle partenze".
    L'inflazione e la guerra hanno sicuramente un peso sul turismo verso le mete estere. "Registriamo - dice Ezhaya - un "effetto Mar Rosso" che indubbiamente rallenta un po' la domanda ma non è un collasso, è un calo del 10-12%. Inoltre vediamo che c'è un rilancio su altre destinazioni sia di medio raggio come Canarie e Capo Verde sia anche di lungo raggio. Quindi la gente approfitta anche di questo piccolo break per agganciare qualche giorno in più e fare magari una vacanza un po' più lunga".
    Sono proprio le vacanze a lungo raggio quelle con maggior valore aggiunto secondo il presidente di Astoi. "Abbiamo buoni risultati dall'East Africa (Kenya, Tanzania, Madagascar), dal sud est asiatico (Thailandia, Indonesia ma anche Giappone che già nel 2023 era andato molto bene ma sembra migliorarsi ancora) e dal Nord Europa che prima forse passava meno dal turismo organizzato ma adesso è programmato da molti operatori. Insomma una buona domanda sia sui paesi scandinavi sia sull'Islanda, anche se quest'ultima ha poca capacità ricettiva. Bene anche le crociere ma per l'estate vediamo molto toniche e pronte a fare bene sia l'Italia, sia la Grecia, sia la Spagna. E' un segnale incoraggiante".
    Certo rimane il problema dei voli: "Molti aeroplani sono in consegna - dice - e quindi alcune compagnie aeree hanno fatto gli operativi aerei confidando nella consegna. Se non dovessero arrivare in tempo, come credo accadrà perché sono molto in ritardo, potrebbero esserci dei probemi, una turbolenza o fluidità operativa".
    Infine un appello allla politica. "Quello che chiediamo al governo - conclude Ezhaya - è di vedere ora che siamo usciti dalla crisi pandemica l'attuazione del piano strategico per il turismo annunciato un anno fa in pompa magna. Francamente vorremmo vedere un po' di atterraggi con qualcosa di concreto.
    Crediamo che il Paese debba fare ancora tanto per rendere il turismo una vera industria, come merita di essere".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza