Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cibi con emulsionanti potrebbero aumentare il rischio cuore

Cibi con emulsionanti potrebbero aumentare il rischio cuore

Nei cibi industriali, risultati potrebbero influenzare normative

ROMA, 08 settembre 2023, 13:07

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un elevato consumo di diversi emulsionanti (parte del gruppo di additivi alimentari "numeri E"), ampiamente utilizzati negli alimenti lavorati industrialmente, potrebbe aumentare il rischio di malattie cardiovascolari (CVD). È quanto suggerisce uno studio pubblicato su The British Medical Journal, condotto da Bernard Srour della Université Sorbonne Paris, con importanti implicazioni di salute pubblica, dato l'ampio utilizzo degli emulsionanti nei cibi industriali. Gli emulsionanti - mono- e digliceridi degli acidi grassi, amidi modificati, lecitine, carragenina (derivata da alghe rosse; utilizzata per addensare gli alimenti), fosfati, gomme e pectine - vengono spesso aggiunti a cibi confezionati come pasticceria, torte, gelato, dessert, cioccolato, pane, margarina e pasti pronti, per migliorarne aspetto, sapore, consistenza e durata di conservazione. Alcune ricerche recenti suggeriscono che gli emulsionanti possano alterare i batteri intestinali e aumentare l'infiammazione, portando a una potenziale maggiore suscettibilità a problemi cardiovascolari. I ricercatori d'oltralpe hanno cercato di valutare le associazioni tra l'esposizione agli emulsionanti e il rischio di malattie cardiovascolari, comprese le malattie coronariche e cerebrovascolari, che colpiscono la circolazione sanguigna e i vasi sanguigni di cuore e cervello. I loro risultati si basano su 95.442 adulti francesi (età media 43 anni). I partecipanti hanno compilato almeno tre (fino a 21) registrazioni dietetiche online. Ogni alimento e bevanda consumati in base alla marca è stato abbinato a tre basi di dati per identificare la presenza e la dose di additivi alimentari. Gli esperti hanno anche effettuato test di laboratorio per fornire dati quantitativi e registrato tutti gli eventi cardiovascolari verificatisi. Dopo un tempo medio di 7 anni, un maggiore consumo totale di cellulose (E460-E468), cellulosa (E460) e carbossimetilcellulosa (E466) è risultato legato a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari; un maggior consumo di mono e digliceridi degli acidi grassi (E471 ed E472) a un aumento del rischio di tutti gli eventi studiati; correlati a maggior rischio anche E472b e E472c, come pure un elevato consumo di fosfato trisodico (E339).
    I risultati potrebbero "contribuire a una rivalutazione delle normative sull'uso degli additivi alimentari nell'industria alimentare per proteggere i consumatori", sottolineano i ricercatori.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza