Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tablet e smatphone usati come 'ciuccio' per tenere buoni i bimbi

Tablet e smatphone usati come 'ciuccio' per tenere buoni i bimbi

E se i genitori sono stressati il tempo trascorso sugli schermi sale

ROMA, 20 dicembre 2023, 09:00

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Tablet e cellulare il nuovo ciuccio dei più piccoli, infatti i genitori stressati glieli consegnano spesso per tenerli buoni. Lo rivela un nuovo studio pubblicato sulla rivista Computers in Human Behaviour, che ha analizzato la relazione tra lo stress dei genitori e il tempo trascorso sullo schermo dai bambini.

I ricercatori hanno coinvolto 462 genitori con figli di età non superiore ai 36 mesi. I genitori hanno autodichiarato i loro livelli di stress, l'atteggiamento nei confronti dell'uso dei media (tablet, iPad, smartphone etc) da parte dei bambini, così come il tempo che i loro figli trascorrono davanti a uno schermo. I risultati hanno rivelato che i livelli di stress genitoriale e gli atteggiamenti dei genitori erano entrambi associati al tempo trascorso davanti allo schermo dai bambini. Infatti, i genitori con un atteggiamento positivo verso l'uso dei media da parte dei bambini tendono a incoraggiare i propri figli a utilizzare gli schermi, per una media di 17,5 minuti quando sperimentavano livelli di stress bassi e 28 minuti quando affrontavano alti livelli di stress; mentre i genitori con un atteggiamento negativo tendevano a stabilire regole per contingentare l'uso di schermi (consentendo 9,5 minuti di tempo davanti a uno schermo in situazioni di basso stress e circa 10 minuti in momenti di alto stress). Inoltre, i genitori possono utilizzare i media schermo come meccanismo per affrontare lo stress legato alla genitorialità. Questo potrebbe essere dovuto alla mancanza di strategie alternative di fronteggiamento dei momenti di stress, come esprimere i propri sentimenti e prendersi del tempo per sé.

"Abbiamo riscontrato che gli atteggiamenti positivi dei genitori verso l'uso degli schermi nella prima infanzia rafforzano parzialmente la relazione tra lo stress genitoriale e il tempo che i bambini trascorrono davanti allo schermo, spiega l'autore principale Valérie Brauchli, dell'Università di Zurigo. In altre parole, l'uso di tablet e smartphone da parte dei bambini può fungere da strumento di superamento dello stress legato alla genitorialità.

I risultati sono importanti se si considera che il tempo trascorso davanti allo schermo può associarsi a un rischio di minori abilità cognitive, socio-emotive e/o motorie, anche se il rischio effettivo dipende da una serie di variabili individuali e contestuali, da esplorate in studi futuri", conclude.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza