Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Facebook, la sezione notizie chiude in Usa e Australia ad aprile 

Facebook, la sezione notizie chiude in Usa e Australia ad aprile 

'Le news rappresentano meno del 3% di ciò che le persone vedono' 

04 marzo 2024, 16:51

Redazione ANSA

ANSACheck
Il colosso Meta  'in rotta di collisione ' col governo australiano -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Il colosso Meta 'in rotta di collisione ' col governo australiano - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il colosso Meta 'in rotta di collisione ' col governo australiano - RIPRODUZIONE RISERVATA

La sezione notizie di Facebook chiuderà definitivamente ad aprile negli Stati Uniti e in Australia. La società non stipulerà nuovi accordi commerciali e "non offrirà nuovi prodotti Facebook specifici per gli editori di notizie in futuro". Lo rende noto Meta in un post ufficiale.

La sezione era stata lanciata nel 2019, ed è stata già disattivata lo scorso anno in Francia, Germania e Regno Unito. La decisione - spiega la società - "fa parte di uno sforzo continuo per allineare meglio i nostri investimenti ai prodotti e ai servizi che le persone apprezzano di più. Sappiamo che le persone non vengono su Facebook per notizie e contenuti politici: vengono per connettersi con le persone e scoprire nuove opportunità, passioni e interessi. Come abbiamo già spiegato nel 2023, le notizie rappresentano meno del 3% di ciò che le persone di tutto il mondo vedono nel loro feed".

Meta ci tiene a precisare che le modifiche che interessano Facebook News non avranno impatti sui suoi prodotti e servizi in questi Paesi e le persone potranno comunque visualizzare i collegamenti agli articoli di notizie su Facebook. Gli editori di notizie continueranno ad avere accesso ai propri account e alle proprie pagine, nello stesso modo in cui può farlo qualsiasi altro individuo o organizzazione.

Meta, la più grande rete di social media e compagnia madre di Facebook e di Instagram, si è posta in rotta di collisione con il governo di Canberra, dopo aver deciso di smettere di pagare editori australiani per la ripubblicazione di notizie sui suoi siti, quando i contratti correnti scadranno quest'anno. Meta ha annunciato che non rinegozierà nuovi accordi: una mossa che, secondo gli editori, costerà loro milioni di dollari in finanziamenti e causerà perdite di posti di lavoro.

Il primo ministro australiano, Anthony Albanese, ha espresso forte disappunto per la decisione di Meta, definendola "insostenibile" e segnalando provvedimenti contro il colosso tech. "E' assolutamente critico che i media siano in grado di funzionare e di essere adeguatamente finanziati", ha aggiunto. "E' disonesto che una compagnia possa profittare da investimenti altrui e non solo investimenti di capitale, ma del lavoro di giornalisti. E' un'inadempienza dell'impegno assunto, per la sostenibilità dei mezzi di informazione australiani".

Il 'Codice contrattuale per i news media' è stato introdotto tre anni fa come mezzo per obbligare entità come Facebook e Google a compensare gli editori per la riproduzione di notizie. Le due reti avevano sottoscritto nel 2021 una serie di accordi con editor, inclusi la radio-TV nazionale Abc, Guardian Australia, News Corp Australia, Seven West Media e Nine Entertainment, casa madre dei quotidiani Sydney Morning Herald e The Age di Melbourne.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza