IAA Transportation, maggiore evento dedicato al trasporto

Camion, bus, furgoni e nuove tecnologie di scena ad Hannover

Redazione ANSA HANNOVER

E' in corso ad Hannover l'edizione 2022 di IAA Transportation, il più importante evento espositivo al mondo dedicato al trasporto di merci su gomma, ai veicoli, agli allestimenti, alle tecnologie, ai servizi e alla ricerca e innovazione.
 

   Il format dell'International Automobil-Ausstellung (IAA) dedicato al mondo dei camion che prevede l'alternanza con cadenza biennale con il 'gemello' (entrambi sono organizzati dalla VDA, l'associazione tedesca dell'industria automobilistica) IAA Mobility di Monaco.
    E che negli ultimi decenni - cioè dal 1991 quando ha lasciato Francoforte a favore della Deutsche Messe di Hannover - si è via via allargato diventando la piattaforma internazionale leader per la logistica, i veicoli commerciali, gli autobus e i trasporti in genere, cambiando anche la denominazione da IAA Nutzfahrzeuge appunto in IAA Transportation. Aperto fino al 25 settembre attorno al tema 'People and Goods on the Move' per sottolineare l'importanza sociale del tema movimentazione merci, IAA Transportation è stato organizzato quest'anno attorno a cinque componenti: IAA Exhibition, IAA Conference, IAA Experience, IAA Virtual e IAA Career. In totale sono attesi oltre 250.000 partecipanti.
    Oltre 2.000 espositori danno vita da oggi fino a domenica a questa edizione che non solo vede il ritorno dell'evento in presenza dopo la cancellazione delle date del 2020 per la pandemia di Covid-19, ma sarà il momento di confronto e di dialogo per guardare alle prossime scadenze sulla transizione ambientale. IAA Transportation cresce dunque da finestra sul mondo degli autobus, dei furgoni, dei camion, dei rimorchi e delle carrozzerie e si apre - In sintonia con l'evoluzione delle catene commerciali e logistiche globali - verso le soluzioni all'avanguardia (e soprattutto percorribili) come gli autobus e i camion elettrici o alimentati a idrogeno.
    Come le flotte di camion connessi e automatizzati, cioè senza autista, per rotte a lungo raggio, anche per provare a risolvere il problema della carenza degli autisti. E come i people e i goods mover senza conducente o le bici da carico elettriche che sempre più aiutano a superare problemi specifici nelle aree metropolitane.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie