Dalla Chiesa: targa in prefettura a Palermo a 40 dal delitto

Ucciso insieme alla moglie e all'agente di scorta

Redazione ANSA PALERMO

(ANSA) - PALERMO, 02 SET - "Quarant'anni fa il 2 settembre in questa sede c'era un incontro importante tra il prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa e il ministro delle Finanze Rino Formica.
    In quell'incontro fu presentato un rapporto che riguardava 2 mila soggetti che erano sospettati di appartenere alla mafia".
    Lo ha detto il prefetto di Palermo Giuseppe Forlani nel corso della cerimonia a villa Whitaker nella quale è stata svelata una targa che ricorda il generale ucciso 40 anni fa dalla mafia insieme alla consorte Emanuela Setti Carraro e all'agente scelto Domenico Russo che li scortava. Le parole del prefetto sono state pronunciate davanti al figlio del generale, Nando Dalla Chiesa e a Filomena Rizzo moglie dell'agente ucciso accompagnata dai due figli. Nella targa è riportata una frase del generale.
    "Gran parte delle protezioni mafiose, dei privilegi mafiosi, certamente pagati dai cittadini non sono altro che i loro elementari diritti. Assicuriamoglieli, togliamo questo potere alla mafia". Nel corso della cerimonia è stato proiettato un video nel quale sono state mostrate immagini dei delitti di quei gli anni a Palermo e gli interventi pubblici del generale Dalla Chiesa. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA