/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sul deposito unico nucleare la Regione ribadisce il suo 'no'

Sul deposito unico nucleare la Regione ribadisce il suo 'no'

Latronico, abbiamo spiegato al Governo la nostra impossibilità

POTENZA, 12 settembre 2023, 16:04

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Non c'è alcuna novità" da parte della Regione Basilicata sulla questione del deposito unico delle scorie radioattive perché "la posizione della Regione rimane la stessa espressa più volte nei mesi scorsi, ribadita con atti concreti e osservazioni": lo ha detto, in una nota diffusa dall'ufficio stampa della giunta, l'assessore all'ambiente, Cosimo Latronico.
    "Nei mesi scorsi - ha spiegato - abbiamo presentato al Governo, sulla base di analisi , la nostra impossibilità ad ospitare il sito. Abbiamo presentato dei documenti ufficiali alla Sogin illustrando i criteri di esclusione indicati, a vario titolo a seconda delle aree, che riguardano sismicità elevata; fenomeni di fagliazione; rischio e pericolosità geomorfologica e idraulica di qualsiasi grado e le fasce fluviali; livelli piezometrici affioranti o che, comunque, possano interferire con le strutture di fondazione del deposito; parametri chimici del terreno e delle acque di falda; presenza di produzioni agricole di particolare qualità e tipicità, luoghi di interesse archeologico e storico; presenza di infrastrutture critiche rilevanti o strategiche. Abbiamo, inoltre, spiegato che la Basilicata si è già resa disponibile nei confronti del Paese negli ultimi decenni, sia con le attività estrattive che con gli impianti di energia rinnovabile e le dighe. Infine - ha concluso Latronico - c'è da sottolineare che alcuni territori italiani si sarebbero autocandidati ad ospitare il sito".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza