Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nulla di fatto dopo nuovi negoziati sulla grande diga etiope

Il progetto contrappone l'Etiopia a Egitto e Sudan, preoccupati

25 settembre 2023, 15:48

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

ROMA - Nessun progresso dopo il secondo giro di negoziati trilaterali fra Etiopia, Egitto e Sudan riguardanti la Diga del Gran Rinascimento Etiope (Gerd), l'opera multimilionaria che vede la partecipazione del gruppo multinazionale italiano Webuild (ex Salini Impregilo), con l'Etiopia che si è impegnata a continuare i colloqui "in buona fede": lo rende noto Al Jazeera dopo colloqui di due giorni che hanno coinvolto i rappresentanti dei tre Paesi e si sono conclusi ieri nella capitale dell'Etiopia, Addis Abeba.

La contrapposizione è soprattutto tra il governo etiope e quello egiziano che teme per il flusso delle acque del Nilo, da cui Il Cairo dipende quasi esclusivamente per il proprio approvvigionamento idrico. Il potenziale effetto della diga sulle risorse idriche di Egitto e Sudan è la preoccupazione più significativa delle due nazioni.

All'inizio di questo mese, l'Etiopia ha annunciato di aver completato il quarto riempimento della diga, considerata centrale nei piani di sviluppo per il Paese del Corno d'Africa, che conta 120 milioni di abitanti. Il ministro degli Esteri egiziano, Sameh Shoukry, ha dichiarato all'Assemblea generale dell'Onu che il Cairo vuole un "accordo vincolante" sulla diga.

"Sarebbe un errore presumere di poter accettare il fatto compiuto quando si tratta della vita stessa di oltre 100 milioni di cittadini egiziani", ha aggiunto.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

Ultima ora Mondo

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it Nulla di fatto dopo nuovi negoziati sulla grande diga etiope - Economia - Ansa.it
404

Pagina non trovata

Le cause principali per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono le seguenti:

  • un URL digitato erroneamente
  • un segnalibro obsoleto
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca
  • un link interno interrotto non rilevato dal webmaster.

Se riscontri il problema, ti invitiamo a contattarci per segnalarlo.

Grazie.