Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Intrum, il 59% degli italiani non riesce a risparmiare

ANSAcom

Intrum, il 59% degli italiani non riesce a risparmiare

ANSAcom

In collaborazione con Intrum

Gilli, i consumatori puniscono aziende che fanno greedflation

30 novembre 2023, 17:07

ANSAcom

ANSACheck

Per Giovanni Gilli, presidente Intrum Italy, 59% italiani non riesce a risparmiare - RIPRODUZIONE RISERVATA

Per Giovanni Gilli, presidente Intrum Italy, 59%  italiani non riesce a risparmiare - RIPRODUZIONE RISERVATA
Per Giovanni Gilli, presidente Intrum Italy, 59% italiani non riesce a risparmiare - RIPRODUZIONE RISERVATA

ANSAcom - In collaborazione con Intrum

L’inflazione elevata e l’aumento dei tassi d’interesse hanno reso la vita quotidiana degli italiani più difficile, con quasi due italiani su 10 costretti a spendere al mese più di quello che guadagnano. È quanto emerge dallo European Consumer Payment Report, realizzato da Intrum, secondo cui circa metà (51%) degli intervistati (20.000 in 20 Paesi) afferma di avere meno denaro a disposizione dopo aver acquistato i beni essenziali e pagato le bollette. Se il 59% degli italiani non riesce a risparmiare nulla, spendendo l’intero stipendio per arrivare a fine mese, il 17% deve addirittura attingere ai propri risparmi, o chiedere dei prestiti, perché spende più di quanto guadagni, con quasi un intervistato su 5 che afferma di aver chiesto un prestito negli ultimi 6 mesi per pagare le bollette e il 25% potrebbe contrarre nuovi debiti per pagare le spese quotidiane. Il 68% sta cercando di tagliare le spese di tutti i giorni e il 60% dovrà attingere ai propri risparmi per far fronte alle spese essenziali e alle bollette. Ma quest’anno a emergere sono soprattutto due trend, come ha sottolineato Giovanni Gilli, presidente di Intrum Italy. Il primo punto è la crescente ‘infiltrazione’ degli abbonamenti, ossia l’ascesa della subscription economy. Quasi la metà degli intervistati afferma di essere sorpreso di quanto i suoi abbonamenti si siano accumulati senza che se ne rendesse conto. In un periodo storico di forte inflazione, poi, i consumatori sono più attenti ai comportamenti delle aziende e tendono a punire quelle meno etiche. Come sottolinea Giovanni Gilli, infatti, “vi è da parte dei consumatori una forte resistenza alla cosiddetta greedflation. Cioè, ci si accorge quando delle aziende, tra virgolette, sembrano speculare sulle spinte inflazionistiche, quindi aumentano i prezzi anche al di là dell’aumento effettivo dei costi che subiscono e, così, aumentano conseguentemente i loro margini e ovviamente a spese del consumatore”. E, secondo la ricerca, quando il consumatore se ne accorge cerca di evitare di acquistare da queste aziende.

ANSAcom - In collaborazione con Intrum

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza