Iren: acquista due progetti fotovoltaici nel Lazio

Ready to built per una capacità complessiva di 39 MW

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Iren, attraverso la società controllata Iren Green Generation, ha sottoscritto con European Energy il contratto per acquisire, tramite aumento di capitale, del 51% delle Spy (società veicolo) Limes 1 e Limes 2, partecipate interamente da European Energy, e titolari delle autorizzazioni per la realizzazione di due impianti fotovoltaici di potenza complessiva pari a 38,87 MWp su terreni siti nel comune di Tuscania (Viterbo).Tale operazione si inserisce nell'accordo commerciale, sottoscritto nel gennaio 2022, che sancisce una partnership tra European Energy e Iren su una pipeline di 437,5 MWp di progetti fotovoltaici in Italia. Il valore delle quote di partecipazioni acquisite da Iren nelle due Spv (titolari delle autorizzazioni) è di 4,1 milioni di euro.
    L'operazione è realizzata tramite la sottoscrizione di un aumento di capitale interamente dedicato a Iren. Gli impianti, una volta in esercizio grazie ad un investimento ulteriore di 31 milioni di euro, genereranno un Ebitda medio atteso nei prossimi 3 anni di circa 6,6 milioni di euro all'anno grazie ad una produzione annua attesa di 60 GWh. In seguito al completamento dell'operazione le due società entreranno a far parte del perimetro di consolidamento del Gruppo Iren. "Sviluppare nuova capacità rinnovabile non è solo un obiettivo industriale per Iren, ma assume una valenza strategica nazionale, ancor più oggi nel complesso contesto di crisi che stiamo vivendo e per affrontare il quale le fonti rinnovabili si confermano come parte importante della soluzione nel medio-lungo periodo e per garantire la sicurezza e la competitività energetica" afferma Luca Dal Fabbro presidente di Iren. "Iren, con questa operazione volta alla realizzazione di nuovi impianti fotovoltaici, prosegue il proprio percorso di crescita nel settore delle rinnovabili, anticipando gli obiettivi del Piano Industriale 2030, a vantaggio della decarbonizzazione e verso una maggiore diversificazione della produzione energetica" commenta Gianni Vittorio Armani, amministratore delegato e direttore generale di Iren. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA