Ilo-Irena, nelle rinnovabili 12,7 milioni di posti di lavoro

Nel mondo 700 mila in più in 2021. Così più sicurezza energetica

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Con un balzo di 700.000 nuovi posti di lavoro nel 2021, nonostante gli effetti persistenti del COVID-19 e la crisi energetica crescente, l'occupazione mondiale delle energie rinnovabili ha raggiunto 12,7 milioni di persone.
    Un nuovo rapporto dell'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena) in collaborazione con l'Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) è stato presentato al Global Clean Energy Action Forum d Pittsburgh, negli Stati Uniti.
    L'energia solare è il settore in più rapida crescita con 4,3 milioni di posti di lavoro e l'Asia il continente dove si concentrano due terzi dell'occupazione del settore. La Cina da sola rappresenta il 42% del totale mondiale, seguita da UE e Brasile con il 10% ciascuno, e da USA e India con il 7%.
    "Il mio consiglio ai governi di tutto il mondo è di perseguire politiche industriali che incoraggino l'espansione di posti di lavoro dignitosi nelle energie rinnovabili in patria", afferma il direttore generale di Irena, Francesco La Camera, spiegando che questo "rafforza l'affidabilità della catena di approvvigionamento e contribuisce a una maggiore sicurezza energetica".
    Il direttore Generale dell'Ilo, Guy Ryder, aggiunge: "al di là dei numeri, c'è una crescente attenzione alla qualità dei posti di lavoro e alle condizioni di lavoro nelle energie rinnovabili, per garantire un'occupazione dignitosa e produttiva". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA