Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In Umbria 80 casi di fibrosi cistica

In Umbria 80 casi di fibrosi cistica

Focus in occasione della Giornata mondiale delle malattie rare

GUBBIO (PERUGIA), 01 marzo 2024, 15:37

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

In occasione della Giornata mondiale delle malattie rare, il direttore generale della Usl Umbria 1, Nicola Nardella, si è recato in visita al reparto di Pediatria - Centro regionale fibrosi cistica dell'ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino, dove è stato accolto dal direttore del presidio ospedaliero, Teresa Tedesco, dal direttore del reparto, Guido Pennoni, e dal personale in servizio.
    La fibrosi cistica è la più frequente delle malattie rare, con una prevalenza di uno ogni 2.500 nati. Dal 1993 sono stati istituiti dei Centri regionali di diagnosi e cura. Presso la Pediatria della Usl Umbria 1, nei due reparti di Città di Castello e Gubbio-Gualdo Tadino, viene effettuata inoltre la terapia enzimatica sostitutiva per alcuni pazienti affetti da malattie da accumulo lisosomiale, quali la malattia di Gaucher e la Mps IV o malattia di Morquio.
    Le malattie rare sono patologie che hanno una prevalenza inferiore a cinque casi ogni 10.000 abitanti. Sono oltre 7.000 quelle note. Si calcola che solo in Italia ne siano affetti circa 1.500.000 individui, 30 milioni in Europa e 300 milioni nel mondo. Il 70% dei pazienti sono bambini. In Umbria sono circa 80 i soggetti affetti da queste patologie - più del 50% adulti - e si ipotizza la presenza di 35.000 portatori sani.
    In gran parte sono malattie metaboliche di origine genetica, seguite da sindromi malformative, malattie del sistema immunitario, malattie neurologiche e del sistema emolinfopoietico. Sono malattie di difficile diagnosi. Per 43 malattie metaboliche ereditarie oggi si dispone dello screening neonatale allargato, che consente di fare diagnosi subito dopo la nascita e prevenire le manifestazioni invalidanti della malattia: attraverso la terapia farmacologica, quando questa sia disponibile o attraverso l'utilizzo di una adeguata terapia dietetica. In condizioni normali di mercato, sarebbe poco interessata a produrre e commercializzare prodotti destinati a un esiguo numero di pazienti. La normativa europea (Ema) e italiana (Aifa) favoriscono, però, la sperimentazione e l'immissione sul mercato dei farmaci orfani, attraverso fondi dedicati.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza