Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Imprese: 'Preoccupa la patente a crediti per la sicurezza'

Imprese: 'Preoccupa la patente a crediti per la sicurezza'

'Ma confronto prosegue, dal governo disponibilità a riparlarne'

ROMA, 26 febbraio 2024, 15:07

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Le associazioni di piccole imprese e artigiani lasciano l'incontro a Palazzo Chigi sulla sicurezza sul lavoro esprimendo "perplessità", "preoccupazione", sulla misura di una patente a crediti per le imprese. Ma indicano anche di aver avuto dal ministro del Lavoro, Marina Calderone, garanzie di "riparlarne" in un confronto che proseguirà.
    Per Confartigianato Costruzioni ci sono "perplessità sulla patente a punti, su come è stata pensata", anche se - indica il presidente, Stefan Crestini - "il ministro ci ha rassicurato di poterne riparlare in un percorso di condivisione da qui a quando il governo ha intenzione di metterne in pratica". "C'è poi "attenzione al lavoro nero, e le sanzioni in questo senso possono essere bene accettate".
    "Non ci entusiasma - commenta Sergio Ventricelli, Confimi Edilizia - l'idea di inasprire pene e aumentare la percentuale di controlli in cantiere. Ci interessa la qualità, degli ispettori, e l'aspetto di premiare le imprese virtuose. Dovremmo rivederci tra una decina di giorni".
    "Abbiamo dato parere favorevole su molti spunti" ma - rileva la Confapi, con Giorgio Del Piano - "non siamo d'accordo su aspetti come la patente a punti. Crediamo che vada ribaltato il concetto: vanno premiate le imprese virtuose piuttosto che punite quelle che per una disgrazia possono incappare in momenti sfavorevoli".
    "Siamo fortemente preoccupati in modo particolare per questa volontà di applicare una patente a punti", dice Enzo Ponzio per Cna Costruzioni.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza