Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Calcio: Calcagno, 'serve un tavolo per parlare di calendari'

Calcio: Calcagno, 'serve un tavolo per parlare di calendari'

Il presidente Aic sulle riforme: 'imboccata la strada giusta'

ROMA, 26 febbraio 2024, 18:00

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Siamo di fronte ad una situazione complicata che da anni denunciamo, anche a livello internazionale tramite il nostro sindacato mondiale FifPro". Il presidente dell'associazione italiana calciatori, Umberto Calcagno, è intervenuto sul tema dei calendari intasati, delle troppe partite e della salute dei calciatori da tutelare: "Sono tutti argomenti sui quali non ci dovrebbe essere scontro ma unità di intenti - ha dettol il numero 1 Aic, a 'La politica nel pallone su Gr-RaiParlamento -, perché se non tuteliamo la salute dei top player avremo probabilmente più introiti nel breve periodo ma alla lunga uno spettacolo più scadente".
    Pensando alla prossima stagione, con l'aumento delle gare con la nuova Champions League e il Mondiale per club, il presidente Aic ha ribadito che "la situazione non può essere risolta solamente a livello domestico, ma dobbiamo mettere allo stesso tavolo Fifa, Uefa, Leghe e FifPro. Nessuno ha interesse a ostacolare l'arrivo di nuove risorse nel sistema, ma bisogna capire come ridistribuirle meglio, tutelando al contempo quei calciatori che oggi arrivano a disputare fino a 70 partite all'anno".
    Riguardo al tavolo federale sulle riforme ha poi proseguito sottolineando che "non è tagliando il numero delle squadre che si risolve il problema di sostenibilità. A mio avviso abbiamo imboccato la strada giusta, perché si parla di riforme con l'obiettivo di risanare il nostro sistema a livello economico, varando norme più rigide in fase di ammissione ai campionati e pensate in maniera programmatica, per capire chi oggi può realmente fare calcio". E per quanto riguarda la salute dei calciatori e anche delle calciatrici Calcagno conclude: "anche per il calcio femminile è previsto un aumento del numero di gare con il futuro mondiale per club; proprio lunedì prossimo a Milano faremo un convegno per discutere l'evoluzione e la crescita di questo settore, che va accompagnato con sempre maggiore attenzione alle esigenze delle ragazze".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza