Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nagelsmann 'mio padre morì suicida, era un agente segreto'

Nagelsmann 'mio padre morì suicida, era un agente segreto'

Le rivelazioni choc del ct della Germania a Der Spiegel

ROMA, 23 febbraio 2024, 22:23

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il padre era un agente dei servizi segreti tedeschi e morì suicida quando lui aveva 20 anni. Lo ha rivelato il ct della Germania, Julian Nagelsmann, in una lunga intervista alla rivista Der Spiegel in cui si è messo a nudo riguardo ad uno dei momenti più duri della sua vita. Fin da bambino, il tecnico 36enne aveva creduto che il padre Erwin fosse un soldato prima di apprendere, quando era già un teenager, che era un agente dei servizi segreti federali tedeschi. "Anche mio nonno credeva che suo figlio fosse un soldato. Non posso dire altro al riguardo e non so nemmeno esattamente cosa facesse - le parole di Nagelsmann -, ma comunque non era nella amministrazione.
    "Avevo 15 o 16 anni quando papà me lo disse - continua -.
    Mentre mi accompagnava in auto per gli allenamenti da Landsberg, dove vivevamo, fino a Monaco a volte me ne parlava, ma davvero dandomi pochissime informazioni perchè ovviamente non gli era permesso parlare del suo lavoro. Questo era anche il motivo per cui spesso diceva che era troppo per lui. Non poteva condividere le preoccupazioni nel suo lavoro. Alla fine questo lo ha messo a dura prova".
    Erwin Nagelsmann si tolse la vita quando il figlio aveva 20 anni, senza lasciare messaggi d'addio o aver dato segni di avere avuto quell'intenzione. "Allora io già frequentavo un corso per allenatori a Oberhaching vicino a Monaco - ricorda Nagelsmann -.
    Il direttore del corso mi ha chiamato fuori dove mi aspettava mio suocero il quale mi ha detto che mio padre si era ucciso.
    Il modo in cui si è tolto la vita ha reso chiaro che voleva davvero morire. E' stato tremendo per me e la famiglia ma mi ha aiutato sapere che voleva davvero morire e non si trattava di un grido di aiuto o di un segnale. Era decisione da rispettare".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza