/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mezzaroma 'lo sport non ha barriere di alcun tipo'

Mezzaroma 'lo sport non ha barriere di alcun tipo'

'Facciamo tutti parte della stessa squadra'

ROMA, 21 maggio 2024, 11:35

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

"É una settimana importante per noi, avremo un incontro con il santo padre sabato prossimo. Ma oggi mi premeva dare un saluto a questi ragazzi. Entrerete nel luogo più sacro che c'è in uno stadio: lo spogliatoio, dove siedono i vostri idoli. Noi siamo felici di ospitarvi, la squadra di cui fate parte é la dimostrazione che nello sport non ci sono barriere di religione, di razza o di lingua. Facciamo tutti parte di una squadra". Lo ha detto il presidente di Sport e Salute, Marco Mezzaroma, a margine dell'incontro presso lo stadio Olimpico con i ragazzi del Roma Club Gerusalemme, una scuola calcio dove, da oltre quindici anni, si allenano e giocano ragazzi di differente credo religioso. Bambini musulmani, ebrei, cristiani, drusi e arabo-palestinesi insieme a bambini israeliani ed etiopi, crescono insieme sul campo di calcio riconoscendo le differenze nel rispetto reciproco. I ragazzi faranno poi il tour dello stadio Olimpico.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza