Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Commercialisti, 'da cassazione stop a abusivismo professione'

Commercialisti, 'da cassazione stop a abusivismo professione'

De Nuccio, ribadita la legittimità delle attività riservate

ROMA, 08 febbraio 2024, 17:09

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/ANSA/ALESSANDRO DI MEO

© ANSA/ANSA/ALESSANDRO DI MEO
© ANSA/ANSA/ALESSANDRO DI MEO

"Una sentenza molto importante, che fa chiarezza sulla giurisprudenza relativa alle attività riservate alle professioni ordinistiche ed è molto esplicita su talune forme di esercizio abusivo della professione". È questo il commento del presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Elbano de Nuccio, alla sentenza n.3495 della Cassazione sull'attività, svolta da una Srl, di compilazione e presentazione delle dichiarazioni fiscali, tenuta della contabilità, elaborazione delle buste paga, presentazione di istanze di annullamento in autotutela in campo fiscale, pagamento di imposte, elaborazione di studi di settore, disbrigo di pratiche presso la CCIA, cura dei rapporti previdenziali.
    "Secondo quanto stabilito dalla Cassazione - sottolinea de Nuccio - si tratta di attività "riservate" ai dottori commercialisti, agli esperti contabili e ai consulenti del lavoro. È il motivo per il quale alla Srl in questione è stata confermata la condannata di primo grado per il reato di esercizio abusivo della professione, dal momento che le suddette prestazioni sono state evidentemente svolte da soggetti non iscritti in Albi professionali".
    "Questa sentenza - aggiunge - cade a ridosso di un'ordinanza del Consiglio di Stato su un ricorso presentato dall'Associazione nazionale dei tributaristi in materia di visto di conformità. Già in quella occasione il nostro Consiglio nazionale aveva annunciato una difesa strenua dei proprio iscritti e quindi delle prerogative delle professioni ordinistiche. La sentenza della Cassazione ci conforta e rafforza nella convinzione che le attività degli iscritti in Ordini professionali non debbano essere in alcun modo equiparate a quelle di iscritti ad Associazioni professionali".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza