Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Senza preavviso, un romanzo su vecchiaia e resilienza

Senza preavviso, un romanzo su vecchiaia e resilienza

Nuovo libro di Michela Alliata, docente alla Ca' Foscari

ROMA, 16 febbraio 2024, 15:43

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

MICHELA ALLIATA, SENZA PREAVVISO: UNA STORIA VENEZIANA (MIMESIS, PP. 210, EURO 17) Michela Alliata, scrittrice, traduttrice, docente di letteratura inglese all'università Ca' Foscari, torna con un nuovo romanzo.
    Protagonista di Senza preavviso è Andrea, un "veneziano Doc", come ama definirsi; di professione bancario. Un lavoro che lo soddisfa, ma un giorno ecco arrivare la batosta: cacciato su due piedi. La direzione decide per il prepensionamento: "Signor Andrea Volpato, ci risulta che lei abbia maturato trentacinque anni di servizio e che la liquidazione che le sarà corrisposta è pari a quattrocentomila euro", gli viene detto. Lo stop tra capo e collo, un fulmine a ciel sereno: "Si stava facendo largo dentro di lui una sofferenza acuta che lo trascinava verso un abisso mai immaginato se non per gli altri. Si sentiva inutile e condannato. Adesso era un po' come se non fosse più nessuno".
    La scena dell'addio, un faccia a faccia con la legale delle risorse umane, ribolle di scontri generazionali; a congedarlo è una giovane in carriera che nutre livido rancore per Andrea, perché lo considera un privilegiato: "Aveva l'aria di pensare: 'Ma di cosa parli, vecchio rimbambito? Non hai ancora capito che hai chiuso? Firma l'accordo e togliti dalle scatole! Cos'altro vuoi? Io la tua pensione non ce l'avrò mai, nemmeno se campassi fino a cent'anni!'. Andrea, dal canto suo, non intende mollare e attacca astioso: "Intanto... per cominciare ti do del tu, perché non sei nessuno, sei soltanto una povera pivella. Chi cavolo credi di essere e come ti permetti di rivolgerti a me con questo tono? Ricordati, carina, che sei inferiore a me per posizione".
    Malgrado la rabbia e lo scoramento, anche perché era stato già scaricato dalla moglie, Andrea pian piano, si incammina sul sentiero che il destino gli mette dinanzi. Capisce che attraversare il dolore è l'unico modo per rifiorire e che la vecchiaia può essere foriera di belle sorprese: "Più di tutto, sentiva che questo tempo della sua vita gli aveva offerto l'occasione di diventare un uomo migliore". Tra le altre pubblicazioni di Michela Alliata: Come pelle di bambù, edito da Pendragon.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza