Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Agnese Moro e Adriana Faranda, colloquio su carcere e giustizia

Agnese Moro e Adriana Faranda, colloquio su carcere e giustizia

"Giustizia riparativa è avere a che fare con l'irreparabile"

ROMA, 23 febbraio 2024, 21:41

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Adriana Faranda e Agnese Moro hanno aperto il primo degli incontri organizzati dalla Pastorale carceraria della diocesi di Roma. La figlia di Aldo Moro, ucciso dalle Brigate rosse, e una delle componenti del gruppo che lo ha rapito, tenuto in prigonia per 55 giorni e poi ucciso, si incontrano dal 2009 nell'ambito di un percorso di giustizia riparativa.
    "La giustizia riparativa secondo me è avere a che fare con l'irreparabile - racconta Agnese Moro - l'irreparabile è anche pericoloso perchè trattiene il passato. Il passato non passa mai", racconta la figlia del presidente della Democrazia cristiana, secondo la quale "tutti i giorni mio padre esce di casa, viene rapito, le care persone della scorta vengono uccise, resta prigioniero e viene ritrovato ucciso 55 giorni dopo.
    Questo porta con sé tanti sentimenti, tra cui anche il senso di colpa di non averlo salvato".
    Adriana Faranda spiega come sentisse il bisogno di incontrare Agnese Moro, per confrontarsi con il proprio passato e con "il dolore che c'era negli altri". "Solo chi ha provato un dolore come quello di Agnese può paradossalmente capire quello che ho provato io. Sono dolori diversissimi ma che si accomunano, io mi sono sentita compresa da Agnese come da nessun altro", ha detto l'ex brigatista.
    L'incontro, seguito da un centinaio di persone, si è tenuto presso il Pontificio seminario maggiore in piazza San Giovanni in Laterano.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza