Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La mappa delle proteste: dai sit-in alla piazza di sabato

La mappa delle proteste: dai sit-in alla piazza di sabato

Per Giulia si moltiplicano le iniziative anche sul web

ROMA, 22 novembre 2023, 19:59

di Simona Tagliaventi

ANSACheck

Una manifestazione Non una di meno - RIPRODUZIONE RISERVATA

Una manifestazione Non una di meno - RIPRODUZIONE RISERVATA
Una manifestazione Non una di meno - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il silenzio che diventa rumore. Il silenzio che non basta più e lascia il posto alla rabbia. Per Giulia, per le tante, troppe donne vittime di femminicidio. E così oggi, sulla scia del minuto di protesta nelle scuole e università italiane contro il minuto di silenzio chiesto dal ministro dell'Istruzione Giuseppe Valditara, è stato data vita a flash mob, sit in improvvisati, grida dai megafoni, colpi sui banchi "per dare voce a chi non ce l'ha più". Una rabbia che non si ferma e chiama tutti a raccolta alla manifestazione indetta da 'Non una di meno' in occasione del 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne, al Circo Massimo alle 14:30.

    LA PROTESTA SUL WEB: La rabbia corre sul web, dove si moltiplicano le foto di una Giulia Cecchettin sorridente alla quale vengono dedicati addii, 'ti vogliamo bene', non fiori ma prese di posizione sulla violenza di genere. Molti ringraziano la sorella Elena, che ha fatto capire in più di un'occasione di non volersi arrendere solo al ruolo della ragazza abbattuta ma che rilancia ogni giorno proteste contro la società patriarcale. E così arrivano dalla rete i disegni che spesso possono più di mille parole: una margherita strappata e la scritta 'ti voglio', e una margherita annaffiata e la frase 'ti amo'.

    FLASH MOB E INIZIATIVE: Mobilitazioni si improvvisano lungo tutto lo stivale. "Sabato realizzeremo un flash mob in piazza della Signoria, cercheremo di essere presenti in tutte le occasioni", ha annunciato il sindaco di Firenze Dario Nardella. Domenica 26 si terrà, a Roma, la terza tappa di 'Corri per il Verde', la storica manifestazione Uisp Roma, l'associazione che promuove lo sport sociale in Italia che sarà dedicata alla Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne con una speciale dedica a Giulia Cecchettin. A Lampedusa gli studenti hanno piantato un alberello, nella Giornata nazionale degli alberi, in memoria della ragazza uccisa. Il sindaco di Ferrara Alan Fabbri ha detto che da stasera fino a domenica 26 la fortezza estense sarà illuminata in memoria della 22enne.

    IL MURALE E L'AFFRESCO: Una maxi scritta è apparsa su un muro in centro a Cagliari. Lettere maiuscole, impresse con lo spray: "È stato il vostro bravo ragazzo, non è amore, è femminicidio". Sarà dedicato a Giulia l'affresco realizzato sui muri della scuola primaria di Treglio. L'opera - intitolata 'Da Franca Viola a Mahsa Amini: il diritto di dire NO!' - verrà presentata il 25 novembre. Treglio, Comune nel Chietino, è conosciuto come il paese dell'affresco.

    SIT-IN: A Roma domani, alle 19, "Per Giulia. Mai più vittime" è il sit-in organizzato dagli studenti di Cambiare Rotta e Osa, a Piazza dell'Immacolata a San Lorenzo: "Quale minuto di silenzio. Bruciamo tutto", ripetono gli studenti. E' sempre per domani l'appuntamento lanciato dai collettivi studenteschi della Statale di Milano per un minuto di rumore davanti all'università "per un flash mob per ricordare Giulia, per dare forza alla sorella Elena e a tutte le persone a loro care. Invitiamo il mondo della formazione a partecipare, con un oggetto rumoroso e con un cartello da lasciare appeso sulle pareti della Statale, dove lasceremo una corona di alloro fuxia e una targa per ricordare Giulia e per tutti coloro che mancano tra noi".

    IL RICORDO NEI LUOGHI DI GIULIA: "Giulia ti vogliamo bene" c'è scritto accanto ad una gigantografia della ragazza uccisa che da oggi resterà esposta sulle pareti del Municipio di Vigonovo (Venezia) e della Biblioteca del polo culturale di Saonara (Padova), paesi dove è cresciuta e ha vissuto Giulia Cecchettin. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza