Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il Cantico delle Creature riletto in lingua sarda in un corto

Il Cantico delle Creature riletto in lingua sarda in un corto

Lo firma la regista e produttrice sassarese Caterina Ponti

SASSARI, 15 febbraio 2024, 18:01

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ispira a una tra le più alte espressioni poetiche il corto Su Càntigu De Sas Criaduras De Santu Frantziscu De Assisi - Cantico delle Creature di San Francesco di Assisi, una trasposizione cinematografica realizzata dalla produttrice e regista sassarese Caterina Ponti, interpretata e sottotitolata in sovrimpressione in lingua sarda e fruibile sul suo canale Youtube.
    Ancora una volta il tema dell'amore è al centro di un'opera di Caterina Ponti, che dà forma a questo suo nuovo lavoro, della durata di 4 minuti e 32 secondi, "in occasione degli ottocento anni di questo inno e lode di ringraziamento a Dio per tutto il creato, considerato il primo e più antico testo poetico della letteratura italiana di cui se ne conosca l'autore", spiega la regista.
    La poetica lode e preghiera del Santo Patrono d'Italia originariamente in volgare umbro con latinismi, è recitata in sardo e si può apprezzare in una dimensione immersiva attraverso suggestive immagini di commento e compendio e ammaliante musica, in un dialogo tra tradizione e innovazione.
    Affiora una profonda devozione per questa Lauda e per il suo autore. Girato quasi interamente in Sardegna, il cortometraggio è stato proiettato alla 39/a edizione di Primo Piano sull'Autore - Festival Pianeta Donna. Sullo sfondo le immagini dei paesaggi dell'Isola in un itinerario che dall'arcipelago de La Maddalena giunge all'area archeologica di Arzachena, alla Tomba dei Giganti di Coddu 'Ecchju, poi ancora Porto Cervo, Palau, Posada e Rena Majore - Aglientu.
    Vi sono poi contestualizzanti immagini della Seraphica Civitas, con le architetture e gli spazi verdi ad esse attigue di due delle mete di pellegrinaggio dell'Umbria, la basilica di San Francesco e la chiesa di San Damiano ove il Santo, cieco, infermo e stigmatizzato, compose il Canticum o Laudes Creaturarum.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza