Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Coldiretti Torino, 'in montagna manca il 45% della neve'

Coldiretti Torino, 'in montagna manca il 45% della neve'

"Alla Regione chiediamo con urgenza piano per la crisi irrigua"

TORINO, 21 febbraio 2024, 13:32

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Alla montagna torinese manca il 45% del volume di neve normalmente presente a febbraio, una situazione sempre più drammatica che minaccia seriamente l'annata agraria ormai alle porte". A dirlo è la Coldiretti di Torino, che ha svolto ricognizioni nelle vallate torinesi, "dove la quota neve è a 1.500-1.600 metri, con profondità dai 15 ai 40 centimetri nei punti accumulo da vento. Nei versanti al sole, la metà dei bacini imbriferi delle vallate, l'innevamento è assente fino a 2000-2.100 metri. In alta quota a 3.000 metri ci sono mediamente 30 centimetri, con qualche rara eccezione".
    "A fine febbraio - ricorda il presidente di Coldiretti Torino, Bruno Mecca Cici - dovremmo avere una riserva consistente su tutte le aree montane, con una copertura nevosa media di circa di 40 centimetri su tutti i bacini montani a quote oltre i 1.200 metri. Con così poca neve i grandi torrenti delle montagne torinesi, solitamente a regime nivoglaciale o nivopluviale, rischiano seriamente di non avere una portata adeguata nella stagione estiva, quando è più alta la richiesta di irrigazione da parte dei consorzi che prelevano acqua con le dighe al loro sbocco in pianura. Tutta la pianura agraria che va dal Pinerolese, al Canavese, passando per l'area Ovest e il Ciriacese, da sempre viene irrigata grazie ai canali che derivano acqua da Chisone, Pellice, Sangone, Dora Riparia, Stura di Lanzo, Orco. Colture come il mais e come le foraggere, cioè gli alimenti per gli allevamenti da latte e carne, dipendono dall'acqua delle montagne che oggi, viste dalla pianura, appaiono spoglie e secche".
    "Chiediamo che la Regione Piemonte - conclude la nota - predisponga con l'ente metropolitano di area vasta un Piano invasi locale cioè una pianificazione per distribuire sul territorio agricolo torinese piccoli specchi d'acqua, inseriti nel contesto paesaggistico, in grado di raccogliere l'acqua in eccesso dei temporali per poi attingerla per l'irrigazione in caso di periodi siccitosi. È in gioco il nostro cibo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza