Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Opere Caput Mundi a rilento, dimezzato target per Giubileo

Opere Caput Mundi a rilento, dimezzato target per Giubileo

Da 200 a 100 i siti finiti al 50%.Da Gualtieri allarme a ottobre

ROMA, 22 febbraio 2024, 20:15

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Per il quarto trimestre del 2024, cioè per l'avvio del Giubileo, il target della realizzazione degli interventi di Caput Mundi - la tranche del Pnrr destinata al patrimonio culturale di Roma anche in ottica Anno Santo - è stato dimezzato: non saranno più 200 i siti da riqualificare in media al 50% entro la fine dell'anno ma 100. E' quanto si legge nella bozza della Quarta relazione sullo stato di attuazione del Pnrr.
    L'allarme sullo stato di avanzamento dei lavori di Caput Mundi - 500 milioni di euro per 335 interventi - del resto non è una novità: solo poche settimane fa il direttore dell'Ufficio speciale del commissario straordinario al Giubileo Roberto Botta ricordava che "Caput Mundi è una misura del Pnrr di cui è stato ingaggiato il commissario", che è il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, e che attuatori del progetto, oltre a Roma Capitale e alla sua soprintendenza, sono le varie soprintendenze statali o per esempio i parchi dell'Appia Antica e del Colosseo. E qui, spiegava Botta, in questo pacchetto di interventi "un po' di ritardo lo vediamo, la fase attuativa la stiamo vedendo adesso".
    In cifre, nonostante per la gran parte sia stato già individuato il soggetto attuatore, al 7 febbraio 2024 su 335 interventi ne risultava concluso uno solo, un altro era in corso e altri cinque "in imminente avvio".
    Lo stesso Gualtieri non aveva nascosto in passato che, in quella tranche lì, qualche lentezza c'era. Era ancora ottobre 2023, la fase in cui si discuteva della possibilità di definanziare alcuni interventi del Recovery: se i Piani urbani integrati, come quelli per le periferie come Tor Bella Monaca, erano "più avanti - sottolineava allora il sindaco - altri sono più indietro. Se c'è bisogno di spostare fuori dal Pnrr qualcuno dei progetti, abbiamo candidati 'migliori'. Per esempio - diceva ancora Gualtieri - all'interno di Caput Mundi c'è la possibilità che alcuni interventi possano essere a rischio, perchè sono molto parcellizzati".
    Nella relazione, in ogni caso, non si parla di definanziamenti, ma di rimodulazione dei target.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza