Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Omicidio Mollicone: consulente difesa, 'reperti contaminati'

Omicidio Mollicone: consulente difesa, 'reperti contaminati'

Ris: 'Frammenti legno su scotch coerenti con porta caserma cc'

ROMA, 22 febbraio 2024, 14:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Per capire che c'è stata contaminazione" dei reperti "basta vedere il filmato dell'esame sul cadavere eseguito dal medico legale Conticelli che ha tagliato e ha aperto la busta dell'Eurospin sul tavolo settorio e ha tagliato il nastro adesivo". E' quanto ha sostenuto in aula, nell'ambito del processo di appello per l'omicidio di Serena Mollicone, il criminologo Carmelo Lavorini, consulente della difesa e in particolare della famiglia Mottola.
    Da canto suo Rosario Casamassima, luogotenente dei carabinieri del Ris, che ha svolto le analisi microscopiche e chimiche sui nastri che avvolgevano il cranio di Serena, non ci è stata alcuna contaminazione. Ribadendo che l'"arma" che ha ucciso la giovane nel 2001 è la porta in legno dell'alloggio della caserma di Arce ha affermato che i frammenti lignei con tracce di resina e colla sono "coerenti per composizione con la porta e si sarebbero conservati intatti perché i nastri erano protetti dalla busta del supermercato che avvolgeva la testa della ragazza".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza