Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ok finale del Pe alla direttiva sulla protezione dei giornalisti

Ok finale del Pe alla direttiva sulla protezione dei giornalisti

"Più sostegno contro le querele temerarie transfrontaliere" 

27 febbraio 2024, 13:11

Redazione ANSA

ANSACheck

Ok finale del Pe alla direttiva sulla protezione dei giornalisti - RIPRODUZIONE RISERVATA

Via libera dal Parlamento europeo alla nuova direttiva europea Slapp per la protezione dei giornalisti contro le querele temerarie volte a silenziare la stampa e minacciare la partecipazione pubblica. Il testo, approvato con 546 voti favorevoli, 47 contrari e 31 astensioni, ha l'obiettivo di garantire che le persone e le organizzazioni che lavorano su questioni di interesse pubblico, quali i diritti fondamentali, le accuse di corruzione, la protezione della democrazia o la lotta alla disinformazione, godano della protezione dell'Ue contro le cause transfrontaliere tese a bloccare il loro sforzi e il loro lavoro.

Il testo chiede l'archiviazione anticipata se la causa risulta palesemente infondata e la possibilità di imputare al ricorrente le spese processuali stimate, compresa la rappresentanza legale del convenuto, nonché il risarcimento dei danni. Stando alle nuove regole, se il convenuto chiede l'archiviazione anticipata, spetterà al ricorrente dimostrare che vi sono motivi per portare avanti il procedimento.

Per evitare il cosiddetto fenomeno del 'forum shopping' ovvero quando il ricorrente sceglie la giurisdizione in cui le sue possibilità di successo sono maggiori, le nuove norme prevedono che le decisioni di un Paese terzo in procedimenti infondati nei confronti di persone o istituzioni dell'Ue non possano essere riconosciute. I governi dell'Ue dovranno infine garantire che le potenziali vittime di azioni legali abusive abbiano accesso alle informazioni sulle garanzie procedurali e sui mezzi di ricorso, nonché possano usufruire di sostegno finanziario e psicologico.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.