Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il Fai recupera nel Bellunese la malga di Monte Fontana Secca

Il Fai recupera nel Bellunese la malga di Monte Fontana Secca

Per raccontare la pastorizia in quota

QUERO, 22 settembre 2023, 12:34

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Fondo per l'Ambiente Italiano e l'Amministrazione comunale di Quero Vas hanno illustrato gli aggiornamenti e gli avanzamenti del progetto di recupero della malga di Monte Fontana Secca: centocinquanta ettari di pascolo d'alta quota e bosco situati sul Massiccio del Monte Grappa, donati al Fai nel 2015 da Liliana e Bruno Collavo in memoria dei genitori Aldo Collavo ed Erminia Secco.
    Il cantiere è aperto: da giugno sono partiti i lavori per il recupero dell'alpeggio e il restauro degli edifici storici della casera, dell'alloggio del malgaro e dello stallone, che termineranno nel 2025. Obiettivo del progetto: riportare al pascolo le tradizionali vacche burline e riattivare la produzione casearia, per ripristinare un paesaggio storico di valore culturale e naturalistico, che, tornato alla sua funzione, sarà così manutenuto e protetto. Ma soprattutto per raccontare, attraverso l'esperienza diretta della gestione di un alpeggio, la pastorizia di montagna: un patrimonio di grande valore, di cultura oltre che di pratiche, che oggi è anche un'occasione di sviluppo di economie locali e sostenibili.
    La funzione educativa è al centro del progetto e ad essa sarà dedicato l'edificio più grande: lo stallone, infatti, diventerà un centro didattico a disposizione delle scuole, e in particolare un centro di formazione per studenti di agronomia, italiani e stranieri, che avranno anche la possibilità di alloggiare nell'edificio che sarà dotato di servizi e di 16 posti letto.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza