Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Virna Lisi diva e antidiva in mostra a Jesi

Virna Lisi diva e antidiva in mostra a Jesi

Eleganza e talento, rinunciò ad Hollywood ma non alla famiglia

JESI, 12 dicembre 2023, 18:32

di Simona Marini

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI - Il mito di Virna Lisi rivive a Jesi (Ancona), sua città natale, con una mostra e numerosi eventi dedicati. Diva degli anni più gloriosi del cinema italiano, attrice pluripremiata ed icona di eleganza, fu al tempo stesso antidiva, donna schiva e riservata, e rinunciò allo star system per non lasciare gli affetti della famiglia. In questa doppia natura la celebra l'esposizione "Virna Lisi. Diva e Antidiva", a Palazzo Bisaccioni di Jesi, ripercorrendone la brillante carriera cinematografica e televisiva ed insieme la dimensione privata e familiare.
    Nel percorso espositivo, organizzato in ordine cronologico dagli anni '50 alla maturità, sono materiali audiovisivi, fotografie di scena e di set, manifesti, oggetti appartenuti all'attrice e foto di famiglia, materiali questi ultimi che provengono dall'archivio della famiglia Pesci. Spezzoni dei suoi film sono proposti in un flusso visivo che culmina in un'installazione audiovisiva immersiva del videoartista Fabio Massimo Iaquone dal titolo 'Geometrie dell'incanto'. La mostra è ideata da Mauro Tarantino e curata da Bruno Di Marino, è organizzata da Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale, e Fondazione Virna Lisi, in collaborazione con Rai Teche.
    Capelli dorati, occhi chiari incorniciati da una riga di eyeliner, un delicato neo sotto il labbro, Virna Lisi fu icona di stile, ma soprattutto interprete delicata, profonda e sensuale. Nata a Jesi nel 1936, e scomparsa nel 2014 a Roma, esordì giovanissima, appena quattordicenne. Nella sua lunga carriera ha lavorato al fianco di mostri sacri come Eduardo De Filippo, Maselli, Steno, Germi, Monicelli, Cavani, Corbucci, Fulci, Lattuada, Dino Risi, Luigi Comencini, Amelio, Cristina Comencini. Importante la parentesi teatrale diretta da Strehler, Squarzina e Michelangelo Antonioni. La pubblicità del dentifricio Chlorodont la rese nota al grande pubblico ("con quella bocca può dire qualsiasi cosa"); negli anni '60 la parentesi hollywoodiana, chiamata a vestire i panni di "nuova Marilyn", e la rinuncia al contratto di sette anni con una major americana per sfuggire a regole ferree e non sacrificare la famiglia.
    A margine della mostra, sarà presentato il volume "Virna Lisi. Diva e Antidiva" curato da Bruno Di Marino ed edito da Danilo Montanari Editore con schede dettagliate di tutti i lavori (130) cui l'attrice ha partecipato. Da segnalare, inoltre, la rassegna cinematografica al Piccolo di Jesi, con alcuni dei suoi film e il documentario di Fabrizio Corallo "Virna Lisi la donna che rinunciò a Hollywood". Infine, il concorso per videomaker e artisti grafici nel campo della digital art, per realizzare un visual mapping site specific a lei dedicato e da proiettare sulla facciata di Palazzo Bisaccioni, durante il periodo della mostra.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza