Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'arte e l'inganno ottico di Sergi Cadenas

L'arte e l'inganno ottico di Sergi Cadenas

Dal 19 gennaio a Roma al Museo delle Illusioni

ROMA, 18 gennaio 2024, 17:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il volto di una graziosa bambina dai capelli biondi si trasforma, cambiando prospettiva, in un lupo vorace. E' 'Niña Lobo', il nuovo dipinto tridimensionale che l'artista spagnolo Sergi Cadenas, famoso per le opere che creano sorprendenti inganni ottici, ha realizzato per il Museo delle Illusioni di Roma. Dal 19 gennaio è possibile ammirare l'esclusiva opera che, come tutte le creazioni del pittore catalano classe 1972, cambia a seconda della prospettiva; l'opera si aggiunge alle oltre 70 presenti nel museo romano di via Merulana 17 che riguardano la scienza, la fisica e la psicologia. Il dipinto dell'artista catalano non è quello che sembra: spostandosi da sinistra a destra, infatti, si può ammirare il volto di una bimba che si trasforma in un lupo. Per realizzare le sue opere Cadenas usa l'ottica cinetica e dipinge ritratti tridimensionali che effettivamente al nostro occhio mutano mentre si cambia prospettiva. L'artista dipinge tre differenti ritratti, ognuno su strisce che poi dispone in rilievo, da sinistra a destra, sulla tela. Ogni lato corrisponde a uno dei ritratti, in modo che osservando l'opera da angolazioni diverse questa appaia differente.
    Ancora una volta il Museo delle Illusioni, totalmente interattivo, offre un'interessante esperienza visiva e educativa, dimostrando che non esiste una sola verità, ma che tutto dipende dai diversi punti di vista. Il museo, che si trova vicino alla stazione Termini, è un luogo dinamico, uno spazio che permette alle persone di essere creative, di svagarsi e di divertirsi: qui è possibile sperimentare, scattare foto e fare molto di quello che non è permesso normalmente in un museo. La collezione del museo, composta da opere, incredibili ologrammi e stanze diverse, gioca con la prospettiva e la percezione ottica, stimolando il cervello con esposizioni non convenzionali e spronando gli occhi a vedere cose che il cervello non comprende.
    Il museo consente di capire quanto ci si può divertire quando gli occhi vedono qualcosa d'impossibile nella realtà.
    All'interno è possibile giocare con la propria immagine nella stanza della simmetria, sentirsi liberi nella stanza dell'infinito, resistere e sfidare le leggi della gravità, provare a indovinare le dimensioni di alcuni oggetti e scattare foto in posizioni sorprendenti. Tra le attrazioni più sorprendenti: la stanza dell'infinito, con specchi a tutt'altezza dove la propria immagine è riflessa all'infinito e oltre; la stanza ruotata dove levitare in aria e sfidare le leggi della gravità; e quella della simmetria, che viene percepita come intera anche se in realtà ne vediamo solo una metà. L'opera tridimensionale di Cadenas sarà esposta e visibile al pubblico anche al Museo delle Illusioni di Milano dal 26 gennaio.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza