Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Dall'Italia all'Australia, al via Roma Arte in Nuvola

Dall'Italia all'Australia, al via Roma Arte in Nuvola

Con oltre 150 gallerie. Prima volta della Collezione Farnesina

ROMA, 17 ottobre 2023, 18:58

di Daniela Giammusso

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Oltre 150 gallerie partecipanti, nazionali ed estere. Più di 14mila metri quadrati di spazio espositivo. Il focus sull'Australia come Paese straniero e la mostra d'arte aborigena Threads and lands. E la prima volta in Italia della Collezione Farnesina. Parte così la terza edizione di Roma Arte in Nuvola, la Fiera Internazionale di Arte moderna e contemporanea, dal 23 al 26 novembre alla Nuvola di Fuksas (apertura al pubblico dal 24). "Il nostro obiettivo - racconta l'ideatore e direttore Alessandro Nicosia - è proporre un'offerta diversa, una mostra che metta insieme galleristi, esperti e grande pubblico. L'anno scorso sono arrivati oltre 300 collezionisti, anche dagli Stati Uniti, con 36mila visitatori. Non nascondo - racconta - che all'inizio c'era un po' di scettiscismo: erano più di dieci anni che a Roma mancava una fiera importante che avesse successo. Quest'anno, già a giugno, però, avevamo esaurito tutti gli spazi disponibili. Siamo fieri di avere una crescente presenza delle gallerie del Nord d'Italia, ma anche di essere un polo dell'Italia centrale, con presenze da Palermo, Siracusa, Napoli, Avellino, Nuoro, Pescara. E poi tanti dall'estero, da New York a Dubai. Avremo una galleria anche dalle Seychelles e, speriamo, una da Tel Aviv". "Una mostra", dice a più riprese il sottosegretario Vittorio Sgarbi, che sottolinea il tema del vincolo alle opere d'arte. "La contraddizione è evidente - dice - se io compro uno Schifano, può essere vincolato e quindi ne sono proprietario a metà. Lo posso vendere soltanto in Italia. È intollerabile. Al Ministero stiamo già lavorando. Il progetto è il passaporto europeo e la prelazione: l'opera d'arte si acquista se si ritiene importante. E il vincolo, limitato alle opere storiche del passato: un dipinto che sai da quale chiesa o da quel museo arriva e non oltre il 1920. L'arte contemporanea ha una platea che è quella del mondo. Burri è Burri perché è andato nel mondo. Eppure questo non lo si capisce". Prodotta da C.O.R., con la direzione artistica di Adriana Polveroni e la consulenza di Valentina Ciorallo, l'edizione 2023 di Roma Arte in Nuvola, promossa con Eur spa., avrà poi come fiore all'occhiello la partecipazione attiva del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, che per la prima volta espone in Italia, e non all'estero, 40 opere della Collezione Farnesina. Si tratta, racconta Alessandro De Pedys, direttore generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale del Ministero, "di quell'unicum nato per decorare sale e corridoi della Farnesina e per valorizzare gli artisti italiani in quelle aree dove ogni giorno passano importanti personalità straniere" e che oggi "conta più 680 opere" con artisti come Michelangelo Pistoletto, Mimmo Paladino, Afro, Agostino Iacurci e Tomaso Binga. Uniti sotto lo slogan Il MiC per Roma Arte in Nuvola, partecipano alla Fiera, per la prima volta, anche il Maxxi con due opere di Mario Merz e Pedro Reyes; il Museo delle Civiltà con diversi artisti fra cui Victor Fotso Nyie; la Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea con Nero bianco nero (1955), opera iconica di Alberto Burri; e l'Archivio Luce Cinecittà con due postazioni/installazioni site specific tra cinegiornali dedicati alle grandi mostre degli anni Sessanta e una rassegna di film a tema. Ma ecco anche l'isola informativa digitale della direzione generale Creatività contemporanea del MiC; la mostra La Città delle Donne dai Musei Civici di Roma Capitale; l'omaggio ai trent'anni dalla scomparsa di Alighiero Boetti (1940 - 1994), in collaborazione con la Galleria Tornabuoni Arte; e l'installazione full digital del Parco Internazionale di Scultura di Villa Fürstenberg a Venezia con un'esperienza immersiva a 360 gradi.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza