Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Memorie dei 'sommersi', Roma, 16 ottobre 1943'

Memorie dei 'sommersi', Roma, 16 ottobre 1943'

In mostra la storia degli ebrei romani deportati 80 anni fa

ROMA, 16 ottobre 2023, 18:49

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

A 80 anni dal 16 ottobre 1943, giorno del rastrellamento di 1.024 ebrei a Roma, i Musei Capitolini - a Palazzo dei Conservatori - inaugura la mostra 'I sommersi. Roma, 16 ottobre 1943'. Aperta fino al 18 febbraio, l'esposizione commemora la tragica vicenda storica attraverso l'esposizione di documenti, giornali, disegni, fotografie ma soprattutto oggetti della vita quotidiana dei 'sommersi', donne, uomini, bambini arrestati quel giorno e mai più tornati. A loro e alle loro storie la mostra, a cura di Yael Calò e Lia Toaff, si vuole restituire un'identità e un riconoscimento proprio attraverso il ricordo. "E' un importante progetto di memoria - ha commentato il sindaco Roberto Gualtieri alla presentazione della mostra - soprattutto in questo periodo non devono sparire i ricordi e questa esposizione lo fa ricordando la vita quotidiana di chi non ce l'ha fatta". "Sono pagelle, foto ricordo, grembiulini, diari - ha commentato Victor Fadlun, presidente della Comunità Ebraica di Roma - sono oggetti che fanno entrare nell'intimità dei deportati". "Il titolo della mostra - ha spiegato Riccardo Di Segni, Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Roma - è preso dal libro di Primo Levi 'I sommersi e i salvati'; in questo caso però nessuno si è salvato. Questa mostra - prosegue Riccardo Di Segni - vuole sì ricordare la storia ma soprattutto indurre le persone a pensare e a impegnarsi a costruire una società migliore". La mostra, dal forte impatto emotivo anche per la presenza di effetti sonori e un grande panello video con i nomi dei sommersi, è un viaggio nella storia, nell'angoscia e nella violenza che subirono gli ebrei arrestati.
    "E' anche percorso che mette al centro la città di Roma" spiegano le curatrici della mostra - divisa in 26 zone dai nazisti per far sì che gli arresti potessero coinvolgere tutti i quartieri della Capitale, descritti lungo il percorso espositivo attraverso le storie delle persone catturate". La mostra è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Cultura, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, Comunità Ebraica di Roma e Fondazione per il Museo Ebraico di Roma, ed è stata possibile anche grazie al contributo di opere e materiali di alcune famiglie prestatrici. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza