Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il Medioevo brillante all'Aquila, 'divulgare la cultura'

Il Medioevo brillante all'Aquila, 'divulgare la cultura'

Rettore Alesse, è tra nostri compiti per incontro territorio

L'AQUILA, 22 giugno 2023, 18:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'AQUILA - Come ha detto ieri all'apertura del Festival delle città del Medioevo all'Aquila Franco Cardini "'L'Aquila è stata costretta a rifondarsi e reinventarsi", e anche l'Università, che è il motore principale con il Comune del Festival, dopo il sisma è entrata in una strategia di rinnovamento continuo. Lo testimonia la tenuta delle immatricolazioni - anzi, c'è un leggero aumento - e l'offensiva culturale che sta portando sul territorio.
    Ieri grande pubblico per Cardini che ha affascinato con zafferano, lana, transumanza, artigianato e questo "gratifica in nostri eventi, siamo sempre un ente pubblico che contribuisce alla crescita del territorio anche con manifestazioni del genere - spiega il rettore aquilano Edoardo Alesse - Raccontare L'Aquila medioevale non è solo fare scienza, ma anche divulgare cultura alla popolazione. E funziona".
    Anche perchè c'è da sfatare per l'ennesima volta il mito dell'Epoca Buia, l'eredità tutta da contrastare nata dall'Illuminismo ma soprattutto dal Romanticismo che videro nell'epoca che noi chiamiamo medioevale un fermo biologico della civiltà. "Dal medioevo viene Dante, i Comuni e le Università - ribatte infatti il Rettore Alesse - e nel festival coi nostri professori lo spieghiamo bene. L'Aquila è medioevale, la Perdonanza Celestiniana anche, fu per la città un periodo florido che oggi rimane nello splendore che sta rinascendo dopo il sisma".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza