Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Da 45 anni in dialisi, il record di Bruno all'ospedale di Arezzo

Da 45 anni in dialisi, il record di Bruno all'ospedale di Arezzo

Asl : 'Unico caso in Italia a raggiungere questo traguardo'

AREZZO, 14 febbraio 2024, 14:00

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Da 45 anni è in dialisi, unico caso in Italia, una vita scandita da tre sedute alla settimana che gli hanno regalato la vita come lui stesso racconta. E' il primato di Bruno, 57 anni, seguito dall'ospedale di Arezzo, come racconta l'Asl Toscana sud est.
    Bruno aveva 11 anni quando l'8 febbraio 1979, spiega una nota, ha varcato per la prima volta la soglia del reparto di emodialisi dell'ospedale di Arezzo per fare la dialisi. "È un record - sottolinea il dottor Paolo Conti, direttore Uoc Nefrologia e dialisi ospedale di Arezzo -, Bruno ha vissuto tutta la storia recente e passata dell'emodialisi entrando quando si era quasi agli albori, fino ai giorni nostri. Se è riuscito a tagliare questo importante traguardo è anche merito suo e dell'impegno profuso nel rispettare le regole stando attento all'alimentazione e al peso. È un paziente che collabora. Purtroppo Bruno, a differenza di altri pazienti, non può essere sottoposto al trapianto di rene a causa della sua malattia di base". "Se oggi sono qui e ho potuto vivere 45 primavere, viaggiare e non farmi mancare nulla lo devo alla dialisi" racconta lo stesso Bruno, commosso per la targa che tutti gli operatori sanitari del reparto gli hanno voluto regalare a ricordo dell'importante traguardo. "Se oggi sono qui lo devo ai medici e al personale sanitario di questo ospedale - aggiunge -. I medici e gli infermieri sono davvero bravi così come lo è stata la mia famiglia e i miei amici che mi hanno sempre fatto sentire una persona normale. Questo reparto è una eccellenza". Per Bruno "la dialisi è vita. Senza di essa oggi non sarei qui e non avrei potuto girare e visitare tanti luoghi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza