Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'emicrania colpisce le donne tre volte di più degli uomini

L'emicrania colpisce le donne tre volte di più degli uomini

Fondazione Onda e Anircef insieme per nuovo percorso di cura

ROMA, 31 gennaio 2024, 13:58

Redazione ANSA

ANSACheck

L 'emicrania colpisce le donne tre volte di più degli uomini - RIPRODUZIONE RISERVATA

L 'emicrania colpisce le donne tre volte di più degli uomini -     RIPRODUZIONE RISERVATA
L 'emicrania colpisce le donne tre volte di più degli uomini - RIPRODUZIONE RISERVATA

L'emicrania è la terza malattia più frequente e la seconda più disabilitante del genere umano. Ne soffre il 14% della popolazione mondiale e predilige nettamente il sesso femminile, colpendo le donne 3 volte in più degli uomini, prendendo le forme di una condizione che segue fedelmente l'andamento delle fluttuazioni degli ormoni sessuali femminili.

Nonostante l'evidente caratterizzazione al femminile, sono ancora molte le criticità che emergono nella gestione e presa in carico delle pazienti con questa malattia, in particolare la mancanza di un approccio multi e interdisciplinare, di riferimenti medici a livello territoriale, nonché di percorsi diagnostico-terapeutico-assistenziali omogenei.

Questi i primi risultati derivanti da un gruppo di lavoro composto da Fondazione Onda e Anircef - Associazione neurologica italiana per la ricerca sulle cefalee, finalizzato a sviluppare un nuovo modello di gestione delle pazienti con emicrania che tenga conto delle peculiarità dei diversi cicli vitali femminili e di alcuni aspetti specifici relativi al genere femminile. L'obiettivo è garantire una più tempestiva, appropriata ed efficace presa in carico multidisciplinare attraverso la collaborazione sinergica di tutti gli specialisti coinvolti nel percorso di cura. I risultati preliminari del gruppo di lavoro sono stati presentati oggi durante l'evento "Percorso emicrania donna: organizzazione dell'assistenza integrata", che si è tenuto a Roma presso la Camera dei Deputati. "Il progetto - ha dichiarato Francesca Merzagora, Presidente Fondazione Onda - rappresenta un altro importante passo nel nostro impegno a tutela della salute, in particolare delle donne. Ci auguriamo che l'esperienza di questo gruppo di lavoro possa portare all'elaborazione di un modello bio-psico-sociale di gestione delle donne con emicrania, tenendo conto di tutte le specificità delle fasi di vita femminili, partendo dalla pre-adolescenza per poi arrivare alla menopausa".
    Il convegno è stato organizzato con il contributo non condizionante di Teva e il patrocinio di Al.Ce. Group Italia- Cirna Foundation Onlus e di Aic onlus, Associazione Italiana per la Lotta contro le Cefalee.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza