Incidenti stradali: Asaps, 42 morti lo scorso weekend

'Triste record'. In Lombardia il maggior numero di decessi, venti vittime motociclisti

Redazione ANSA BOLOGNA

 Un fine settimana con il triste record di 42 morti sulle strade italiane: è il bilancio dell'Asaps, l'Associazione sostenitori Polstrada, che ha conteggiato 40 incidenti gravissimi, tra venerdì e domenica scorsi, con 13 automobilisti, 20 motociclisti, due autotrasportatori, tre pedoni, tre ciclisti e un conducente di quad deceduti a causa di un incidente stradale. Tre sinistri mortali sono avvenuti in autostrada, 15 sulle strade extraurbane principali. La fuoriuscita del veicolo senza il coinvolgimento di terzi è stata la causa più frequente, con 20 incidenti fatali. C'è da domandarsi il perché, sottolinea l'Asaps: stanchezza, velocità, alcol, distrazione da cellulare.
    Sono quattro i minori che hanno perso la vita: la vittima più giovane aveva 14 anni, in provincia di Barletta-Andria-Trani, mentre dieci avevano più di 65 anni. La Lombardia ha contato 8 decessi, 6 in Veneto, 4 in Puglia e Sicilia, 3 in Calabria e Piemonte, 2 in Trentino-Alto Adige, Marche, Campania, Lazio, Sardegna, una vittima rispettivamente in Emilia-Romagna, Toscana, Molise, Liguria. "Da aprile il numero di decessi nei fine settimana ha sempre contato numeri superiori ai 30-35 decessi, numeri veramente impressionanti almeno per noi dell'Asaps", commenta il presidente Giordano Biserni 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie