Citroen Ami: il progetto "rispettAmi" contro il bullismo

Il progetto di Citroen e Skuola.net dedicato ai giovani

Redazione ANSA ROMA

Citroën è costantemente impegnata a cercare soluzioni innovative, rispettose dell'ambiente e adeguate alle evoluzioni della società, con l'obiettivo di proporre prodotti e servizi accessibili, in grado di offrire la massima serenità e in generale per migliorare la qualità della vita delle persone. Dedicato in particolare alle nuove generazioni, nasce il progetto "RispettAMI", un progetto che vede protagonista Citroën Ami - 100% ëlectric, la soluzione di mobilità accessibile e adatta ai più giovani. Si tratta di un'iniziativa concreta per promuovere attivamente, nelle scuole, tra gli adolescenti, la cultura del rispetto come strumento di contrasto ai fenomeni devianti connessi al bullismo. Marco Antonini, Brand Manager Citroën Italia: "Può apparire inconsueto che un marchio automobilistico si rivolga direttamente ai giovani studenti, ma noi di Citroën Italia lo abbiamo voluto fare: abbiamo voluto essere coerenti con i nostri valori di un Brand vicino alle persone e, ancor di più, di un Brand che guarda alle persone come fonte di ispirazione per i propri progetti. Inoltre, in questo particolare momento storico in cui abbiamo lanciato Citroën AMI - 100% ëlectric, veicolo che può essere guidato a partire dai 14 anni, il mondo dei più giovani è diventato a noi ancora più caro. Mi fa piacere infine sottolineare che Citroën AMI, malgrado al momento del lancio commerciale abbia ricevuto critiche per il design eccentrico, anticonformista e, direi, rivoluzionario, oggi è un successo culturale (come amo sempre dichiarare) e commerciale, essendo al primo posto nelle vendite della sua categoria." Oggetto unico, originale e anticonformista di micro-mobilità, Citroën Ami - 100% ëlectric ha creato una vera e propria rivoluzione di settore e rappresenta una risposta innovativa alle sfide della mobilità urbana. Già protagonista di diverse iniziative italiane, ora Citroën Ami - 100% ëlectric scende in campo nell'ambito del progetto formativo "RispettAMI" coordinato da Skuola.net, rivolto agli studenti delle Scuole Secondarie di II grado, sulla difesa contro bullismo e cyberbullismo.
    Daniele Grassucci, Direttore di Skuola.net: "La pandemia non ci ha riconsegnato versioni migliori di noi stessi, come molti auspicavano. I nostri adolescenti continuano a essere piagati dal bullismo che sì, è sempre esistito, ma che attraverso la dimensione digitale, in cui noi tutti siamo immersi, riesce purtroppo a essere ancora più 'efficace'. La scuola, luogo dove nascono tante relazioni tra pari, è sicuramente uno degli ambienti in cui è più probabile che nascano questi fenomeni. Ma è lo stesso in cui possono essere debellati, purché studenti e docenti ricevano una costante formazione in tal senso". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie