Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Addio allo stilista francese Claude Montana, simbolo della moda anni '80

Addio allo stilista francese Claude Montana, simbolo della moda anni '80

In completa solitudine si è spento in un ospedale parigino a 76 anni

ROMA, 23 febbraio 2024, 19:28

di Patrizia Vacalebri

ANSACheck

E ' morto lo stilista francese Claude Montana © ANSA/AFP

E ' morto lo stilista francese Claude Montana © ANSA/AFP
E ' morto lo stilista francese Claude Montana © ANSA/AFP

Addio allo stilista francese Claude Montana, che si affermò tra i protagonisti della moda degli anni Ottanta '80, presto dimenticato dal pubblico a causa dei suoi problemi finanziari. Lo stilista, secondo quanto riferisce Afp, è morto il 23 febbraio all'età di 76 anni, a Parigi, nell'Ospedale Bretonneau in completa solitudine, dimenticato da tutti.
    Claude Montana nasce a Parigi nel 1949, da padre catalano e madre tedesca. Il vero nome di famiglia è Montamat, ma nemmeno gli amici stretti riuscivano a pronunciarlo correttamente, così decise di cambiarlo. Dopo aver frequentato l'Opera di Parigi e dopo aver conseguito la maturità, a soli diciassette anni, il giovane Claude lasciò i genitori per lanciarsi alla scoperta della Swinging London. A Londra si fece notare realizzando gioielli di cartapesta, ricoperti di strass. Sarà Olivier Echaudemaison, che in quel periodo realizzava le copertine del British Vogue a introdurlo nel giro della moda londinese e poi internazionale.
    Il suo ingresso ufficiale nella moda avvenne negli anni Settanta, ma creò il suo marchio solo alla fine del decennio, nel 1979.
Il successo arrivò negli anni Ottanta. In un'epoca post punk, Montana disegnava una donna potente, una silhouette geometrica, con ampie spalle che davano all'insieme un'aria futurista. Volumi amplificati, tailleur e giacche a triangolo rovesciato. Una palette di colori accesi per confermare la supremazia della donna sull'uomo. Con queste credenziali presto divenne un habitueé delle serate nel club alla moda "Le Palace", e soprattutto s'impose come uno dei couturier di punta della moda parigina. Le sue sfilate teatrali erano considerati eventi, definite "grandi spettacoli", alla pari di quelle del suo collega Christian Lacroix. Il suo stile influenzò la moda del periodo, ed era molto amato anche dalle dive. Cher è al suo fianco alla consegna dell'oscar della Moda. Brooke Shileds, Jeanne Moreau, Charlotte Rampling divennero le ambasciatrici della sua maison.
    Dopo aver rifiutato l'offerta di Dior di diventarne il direttore artistico e di occuparsi sia dell'alta moda, sai del pret-à-porter, approdò da Lanvin che desidera rilanciare le sue collezioni. Dal 1990 al 1992 divenne direttore creativo di Lanvin, ottenendo grande consenso da parte della critica, ma non un corrispettivo successo finanziario, per cui, venne licenziato dalla maison.
    Dopo il suicidio di sua moglie, Montana dovette affrontare un lungo periodo di crisi economica, tanto da dover vendere la propria maison nel 2002. Cominciò ad avere problemi di salute e nel 2008, venne picchiato in casa da un ex ballerino agganciato in una discoteca. Un episodio da cui subì gravi conseguenze.
    Dovette affrontare anche un processo, dove il suo aggressore lo accusava di avergli trasmesso l'epatite B. "Sì, la moda mi manca terribilmente - confidò nel 2016 -. Sono un veterano adesso.    Sono stato dimenticato".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza